Home / FGC / Dragon Ball FighterZ / CEO 2022: Nuovi inizi sul ring di Daytona
Daytona

CEO 2022: Nuovi inizi sul ring di Daytona

La scena mondiale dei picchiaduro ha avuto, lo scorso weekend, il suo epicentro a Daytona, sede del CEO 2022.
Uno dei Big Four dell’universo dedicato ai fightying games ha riaperto le sue porte con il tradizionale ring ad accogliere i vari pretendenti al titolo.
Una rassegna, lunga tre giorni, che ha avuto dieci competizioni che hanno composto la mainline 
Un parco tornei di cui tre hanno dato inizio lo start a vari circuiti che hanno avuto il loro ritorno in scena o il loro battesimo.

Il primo caso è rivolto a Tekken dove si è assistito al ritorno on stage del Tekken World Tour.
La location di Daytona ha ospitato il primo dei quattro Masters Event che caratterizzeranno la nuova stagione.
Una prima in cui non sono mancate le emozioni, tra vittorie all’ultimo battito di ciglio e double K.O
Rassegna che ha messo in luce anche nuove leve del Tekken mondiale come il britannico Joka, capace di raggiungere il terzo posto.
Un percorso in cui l’inglese riesce a sconfiggere grossi nomi del calibro di SuperAkouma o Gen, prima di essere eliminato da Book.
Thailandese che diventa protagonista dell’ultimo atto, disputato contro il padrone di casa Anakin.
Una contesa al cardiopalma, risolta solo al quinto e decisivo set del reset match in cui il Jack-7 dell’americano riesce a spuntarla sul Jin dell’avversario.
Un 3-2 che consente ad Anakin di essere il primo leader della ranking dedicato alla regione nordamericana.

La prima dei Panda

Il secondo caso sopracitato riguarda Smash Bros dove Daytona ha ospitato la prima assoluta della Panda Cup.
La competizione realizzata dai Panda Global ha registrato il primo evento Major per il circuito Ultimate e il primo Nationals per Ultimate.
Tornei, in particolare quello dedicato all’ultimo capitolo della saga Nintendo che riflettono anche dei vari eventi dello Smash World Tour in giro per il globo.
Evento in cui la bandiera della Rep. Domicana sventola sul gradino più alto del podio, grazie all’impresa di Sonix
Il portacolori dei Bandits Gaming riesce a conquistare il titolo attraverso una rimonta all’interno del Lossers Bracket.
Parte di tabellone conquistato dopo la vittoria contro Toast e con possibilità di sfidare il canadese Riddles.
Sfida tra cui che si è concluso solo al quinto set del reset match in cui il Sonic player riesce a sconfiggere la coppia Terry/Kazuya del nordamericano.

In Melee, invece, affermazione per il padrone di casa Plup (Fox) che sconfigge con un doppio 3-0, il connazionale Magi (Falco)

Le altre rassegne

Una tre giorni a Daytona dove altre sette cinture sono state erogate in favore di grandi nomi e nuovi volti delle varie scene.
Esempi del primo caso sono iDom (Street Fighter V) Wawa (Dragon Ball Fighterz) Ren (GranBlue Fantasy Versus) e Tamago (King of Fighters XV)
Dimostrazioni del secondo invece sono Jonathan Tene in quel di Guilty Gear: Strive e OD_Fallauto per Mortal Kombat 11 e ScrewVermilion per Melty Blood: Type Lumina.
Tornei in cui si è assistito anche all’ennesimo ban in competitivo di Android 21 in versione Lab, personaggio ancora troppo forte all’interno del roster di DBFZ. 

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Halo

Halo Championship Series: Regional in Nord America

Continua il viaggio delle Halo Championship Series all’interno dei vari Regional, utili per le qualifiche …