Home / Shooters / Call of Duty / CoD Challengers Series: L’antipasto prima delle League
CoD Challengers

CoD Challengers Series: L’antipasto prima delle League

Gli ultimi istanti della prima stagione della CoD League passano attraverso l’ultima fase della  seconda competizione a livello d’importanza.
Le CoD Challengers Series chiudono il loro percorso con le finali delle tre regioni in cui si è disputate tali eventi.
Team di Europa, Nord America e Asia/Pacific si sono sfidate anche per mettersi in mostra in vista di una possibile promozione nella principale.
Tornei in cui, l’andazzo visto delle precedenti contese, trova conferma anche in tale contesto con due roster dominatori assoluti.
Renegades e Team WaR conquistano le CoD Challengers di loro riferimento concludendo un percorso dominante.

Gli australiani portano a quindici la strisce di vittorie consecutive, un dominio assoluto per Pred e compagni.
Un record che stava rischiando di essere interrotto dopo la sconfitta nella Final Winner Bracket per 3-2 contro i Chief Esports Club.
Una caduta che non ha demoralizzato i Renegedes, i quali risalgono la china ottenendo dapprima il reset match per 3-o per poi chiudere la contesa col medesimo risultato.

Con qualche battuta d’arresto in più ma pur sempre vincente il percorso realizzato nel vecchio continente da parte dei WaR
Il quintetto britannico segue il modello adottato dai Renegades nella conquista di questo ultimo atto.
Retrocessi in Lossers a causa della sconfitta contro i Singularity, Denza e compagni scalano la vetta e ottengono, in maniera vittoriosa, la loro rivincita sui connazionali con un doppio 3-1.

Sorpresa trionfante

Il Nord America chiude il trittico di finali della CoD Challengers dove le attenzioni degli degli esperti erano rivolte ad alcune academy.
Pronostici smentiti visto il solo quarto posto degli FaZe, usciti di scena dopo la sconfitta contro i Carnage Gaming.
Ad ottenere l’alloro nordamericano sono i sorprendenti Triumph, i quali battono i sopracitati Carnage con punteggio di 3-1.
Affermazione che chiude una buona annata per loro visto anche l’approdo all’interno della galassia dei New York Subliners.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Rage

RAGE GBVS Winter 2020: Spazio alla nicchia dei picchiaduro

Il movimento competitivo dedicato ai picchiaduro ha vissuto un 2020 tra la stasi e lenti …