Home / Esport / eNascar IRacing Series: Atlanta Stage – Giro di boa
Atlanta Stage

eNascar IRacing Series: Atlanta Stage – Giro di boa

Ottavo round della eNascar iRacing Series, la competizione videoludica dedicata alle quattro ruote coperte americane.
Atlanta ospita lo stage che segna la fine della prima parte della competizione dove a comandare la classifica generale è Ryan Luza.
Tre vittorie è vari piazzamenti consentono al pilota della Williams di ottenere il comando di questa prima parte di stagione.
Luza inizia la gara in Georgia con una brutta qualifica che lo colloca in sedicesima fila, qualifica dove la pole viene conquistata da Corey Vincent (Renegades).

La partenza dei 167 giri previsti non riserva particolari sorprese con la lotta al vertice tra Vincent , Keister e Davies.
Uno scontro che si interrompe al giro 37 quando la prima safety car entra in scena neutralizzando la gara.
Le vetture rimangono in doppia fila indiana dove, tra ripartenze e continue safety,  si arriva alla tornata 61 dove, alla ripresa delle ostilità, il più lesto è Aflalla.
Il cubano della Virtual Racing School scala le posizione per arrivare in testa alla fine della prima parte dell’Atlanta Stage.

Seconda parte

I restanti 83 giri dell’Atlanta Stage vedono il caraibico mantenere la vetta sino al giro 110 quando inizia il gioco dei pit stop.
In questo contesto, ad uscirne avvantaggiato è il canadese Leahy che, entrando per primo per il cambio gomme, conquista la vetta a 47 giri dalla fine.
Un primato effimero visto che, dopo pochi giri, Alfalla, rimontando dalla 12° posizione, riconquista la vetta.
Una prima posizione che il cubano mantiene stretta sino alla bandiera a scacchi, ritornando alla vittoria dopo due anni di digiuno.

Alfalla distanzia di qualche secondo Lowe (2°) e Cook (3°) mentre per Luza, l’Atlanta Stage va in archivio come gara da dimenticare.
Il leader di classifica generale chiude in trentaquattresima posizione, con due giri di ritardo dal vincitore di gara.
Una debacle che gli fa perdere la leadership stagionale, ora in favore del sopracitato Leahy.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

CIO

Il no del CIO alla partership con la Global Esports Federation

Il dibattito sull’ingresso degli Esports all’interno dei Giochi Olimpici ha subito una brusca frenata in …