Home / Esport / Finale delle LCS Europee: i G2 Esport sono di nuovo campioni!

Finale delle LCS Europee: i G2 Esport sono di nuovo campioni!

La finale delle LCS Europee ha visto sfidarsi gli Unicorns of Love contro i temibili G2 Esport. Il match sembrava essere deciso fin dall’inizio, fino a quando gli Unicorns hanno mostrato una composizione più aggressiva ed hanno reso il tutto più interessante. Scendiamo assieme nei dettagli…

Prima partita

I G2 Esports si sono concentrati sul limitare il fortissimo jungler degli Unicorns of Love: hanno bandito a Xerxe i suoi personaggi più aggressivi (è stato costretto infatti a sfoderare Ivern) ed inoltre la jungle route scelta da Trick (Rumble) ha permesso di limitare comunque ogni possibilità di early gank.

Ashe e Thresh, assieme all’aiuto delle sporadiche ultimate arrivate dal Gangplank Top, hanno fornito i CC che mancavano a Rumble permettendo gank dal setup assurdo, che hanno però permesso di distruggere la botlane degli Unicorns of Love. Effettivamente, essendo le altre corsie in vantaggio, concentrarsi nell’invadere la botlane è stata un’idea vincente da parte dei G2 Esports.

Raramente i G2 Esports vincono la prima partita di match così importanti: si vocifera che abbiano utilizzato aiuti esterni per avere la fortuna dalla loro.

Che i G2 Esport ricorrano a riti satanici per avvantaggiarsi in partite difficili?

 

 

 

Seconda partita

Notare che Perkz, con metà mana, riesca a costringere quasi da solo alla ritirata l’intera squadra degli Unicorns of Love.

Stavolta i G2 Esport, scegliendo Ivern, si assicurano di togliere questo pick comodo e versatile a Xerxe (e comunque bandendo Shen per evitare di lasciare la combinazione di Rengar+Shen agli Unicorns). Ancora una volta i G2 si concentrano sull’assicurarsi counter per i pick più pericolosi degli Unicors of Love (in particolare Swain contro Leblanc ed una botlane con enorme range contro Malzahar support).

In partita gli Unicorns, nonostante la situazione, si sono assicurati un paio di giocate aggressive notevoli ed un buon vantaggio iniziale, ma continui errori di valutazione e troppi engage disastrosi li hanno messi rapidamente in svantaggio contro una composizione molto forte nelle reazioni difensive.

Da notare l’assenza di sufficienti danni contro Swain (che era in vantaggio in lane per matchup e supportato dalle cure e dagli scudi di Ivern e Lulu), che ha causato la totale impossibilità degli Unicorns of Love di poterlo eliminare negli scontri a squadre.

A segnare la croce finale per i cavalli da battaglia europei è stato il fatto che la Camille Top (Expect) fosse arrivata al punto di semplicemente saltare addosso ed uccidere a vista il loro Varus ADC (Samux).

 

 

 

 

Terza partita

Notare come Exileh, protetto e forte dall’arrivo di Shen con la sua ultimate, si prepari a saltare addosso ad un Perkz completamente isolato dalla squadra…

I G2 Esport hanno scelto Fiddlesticks Support come counter per Malzahar, e gli Unicorns of Love hanno risposto con una composizione specializzata sul fare dive molto aggressivi (ottima sinergia tra Talon+Gragas+Shen). La partita è stata lunga e sofferta, ed in midgame i G2 Esports sembravano avere la meglio, fino a quando con uno scontro disastroso al Baron hanno regalato un enorme vantaggio agli Unicorns, che sono immediatamente rimontati a cavallo della partita (già, ho fatto davvero questa battuta).

L’ottimo focus su Perkz e Sven in lategame ha assicurato agli Unicorns of Love di primeggiare in scontri chiave e di avere via libera alla demolizione della base dei G2 Esport.

Il pick alla cieca di Talon sembrava una scelta estremamente rischiosa, ma si è rivelata una carta vincente in congiunzione con lo stile aggressivo e coordinato degli UOL.

 

 

 

 

Quarta partita

Situazione simile alla partita precedente: gli UOL hanno visto tentennamenti ed impreparazione contro Talon e provano ancora a capitalizzare su questa debolezza. I G2 Esports purtroppo non hanno sottovalutato l’assassino stavolta e rispondono con un’altra fortissima laner in Leblanc.

Il matchup in midlane è stato assolutamente devastante per Exileh e per gli Unicorns of Love in generale, dato che Leblanc (usata da Perkz), si è mangiata a colazione il suo avversario puntando al vantaggio dato dal range maggiore e dagli snare delle sue Catene Eteree. Abbiamo visto più volte quanto pesante possa essere una Leblanc in vantaggio, e questa finale ha ricordato a tutti quanto terrificante possa essere Perkz con un assassino.

In questa pic di repertorio vengono rappresentate le ottimistiche aspettative sul matchup in midlane per gli Unicorns of Love (cliccando qui troverete la pagina Deviantart dell’artista).

 

Gli Unicorns hanno sofferto anche un altro fattore strategico in lategame: arrivato il momento nel quale Rumble (Vizicsacsi) non riusciva più ad affrontarsi in 1 vs 1 Camille (Expect), è stato molto semplice per i G2 Esports applicare pressione sul resto della mappa e portarsi il titolo di campioni europei a casa.

 

 

Il podio delle LCS Europee di League of Legends è quindi:

1° Classificati, G2 Esport
2° Classificati, Unicorns of Love
3° Classificati, Fnatic

Commenti

Altre info su Antonino Geloso

Originariamente comandante e referente presso il grande impero del Signore Galattico Freezer, nel Marzo 1990 prende parte ad una campagna militare sul Pianeta Namek dall'esito disastroso che lo costringe a ritirarsi a vita privata sul pianeta Terra, dove intraprenderà dei modesti studi umanistici con l'aspirazione di diventare insegnante. Nel tempo libero si diletta tra diversi titoli videoludici, tra cui figurano League of Legends, Pokémon, Hearthstone e Grindr.

Controlla anche

Dota Preseason Weekend tra novità e competizione

Weekend ricco di eventi in questa sessione all’interno della preseason di Dota 2. Un fine …