Home / FGC / Tibetano vince l’Only The Best II di Tekken 7, terza tappa ITL
Only The Best II

Tibetano vince l’Only The Best II di Tekken 7, terza tappa ITL

Dopo il Doomination II, la Italian Tekken League riprende nel migliore dei modi con la sua terza tappa. L’Only The Best II di Napoli è stato molto più di un torneo di livello nazionale. Giocatori provenienti da tutta Europa sono accorsi per dimostrare la loro bravura nel Bel Paese tanto che, per accomodare un folto pubblico straniero accorso su Twitch, lo streaming è stato condotto in lingua inglese da 3 presentatori d’eccezione: Klaww, Spag e Mihawk.

Senza dubbio è doveroso fare i complimenti a tutti coloro che si sono occupati dell’organizzazione (e primo tra tutti il veterano Bode), che sono stati in grado di gestire un torneo con più di 200 partecipanti, divisi tra Tekken 7 e Super Smash Bros. Ultimate.
Iniziato alle 9 di mattina e conclusosi ben oltre la mezzanotte, l’Only The Best II è stato un vero e proprio tour de force.
Oltre gli ormai soliti noti, il torneo di Tekken ha anche offerto qualche piacevole sorpresa. Un eccellente Frog è riuscito a scalare la classifica fino a raggiungere un meritato terzo posto, sconfiggendo con il suo Lei e il suoi orsi una serie quasi infinita di avversari di altissimo livello. Tra questi anche un sempre più indiavolato CROSSFIRE e l’irlandese Fergus.
A raggiungere la Top 8 sono stati:

  • Fergus
  • Kalak
  • Defuse | Tibetano
  • HG | CROSSFIRE
  • Frog
  • Asim
  • devilnin
  • HG | Danielmado

A portare a casa il trofeo è stato il Geese di Defuse | Tibetano che, dopo 15 ore di combattimenti, ha sconfitto con un secco 3-0 il francese Kalak, già battuto in finale del bracket vincitori.
A vincere la competizione di SSB Utimate è stato invece Meercko che, con un 3-1, ha strappato il rpimo posto dalle mani del contendente Dinamirer.

Il prossimo appuntamento con la Italian Tekken League 2019 sarà a Livorno con The Divine Challenge, sabato 16 febbraio.

Commenti

Altre info su Gian Filippo Saba

Avido giocatore di qualsiasi genere possibile. Alto 1 metro e 80, pesante quanto un ramoscello d'ulivo, è fortemente convinto che la bravura ai videogames sia direttamente collegata al proprio indice di massa corporea. Nonostante ciò pensa ugualmente di esser il Prescelto in virtù di un sogno rivelatore avuto alla tenera età di 6 anni, in cui Crash Bandicoot gli rivelò i segreti del mondo videoludico.

Controlla anche

PG Nats Spring 2019

Sparks e Morning Stars finaliste dei PG Nats Spring 2019

Finale inedita quella che si disputerà il prossimo 7 Aprile al teatro Ciak di Milano. …