Home / Shooters / Call of Duty / CoD Challengers Series Finals: Il meglio della cattederia
CoD Challengers Series

CoD Challengers Series Finals: Il meglio della cattederia

La CoD League inizia la marcia d’avvicinamento verso le Finals per l’assegnazione del titolo mondiale.
Attesa che, nel weekend appena trascorso, è stata colmata con le ultime fasi delle CoD Challengers Series.
Il meglio della cadetteria del titolo Activision/Blizzard, dopo un lungo percorso fatto di tappe intermedie, designa le sue regine.
Tre le regioni presenti in rassegna con inizio con la competizione dedicata ai team dell’area Asia/Pacifico.
Torneo dove l’andazzo delle ultime annate viene confermata anche in questa occasione con i Renegades che si riconfermano campioni regionali.
Il team australiano, che ha lasciato solo una Series nelle dieci disputate in questi anni, impone il proprio ritmo di gioco sin dalle prime fasi.
Solo due set persi dal roster aussie di cui uno nella finale contro i Vortex Gaming, chiusa col punteggio di 3-1 per i Rinnegati.

Il girone europeo vede tra le protagoniste anche un’organizzazione italiana con un roster a tinte britanniche.
Gli Amelia Strays raggiungono l’ultimo atto della rassegna del vecchio continente vincendo il Winner Bracket contro gli The Atlas Lions.
L’altro roster britannico conquista la Gran Finals con la vittoria contro i Las Pepas con il risultato di 3-0.
Il roster guidato da Harry ribalda il pronostico della vigilia ottenendo dapprima il reset per poi chiudere la pratica Amelia col punteggio di 3-1.

La chiusura delle CoD Challengers Series avviene in Nord America dove, rispetto ai scenari precedenti, si registra l’affermazione di un underdog.
Un lineup formata da team come l’academy dei Los Angeles Guerillas o gli UYU che vengono spiazzati all’arrivo dei We Are Trying Now.
Il quartetto con capitano Fire (ex Paris Legion) conquistano il primo titolo assoluto della loro organizzazione.
Gli WATN ottengono ciò nell’ultimo atto in cui hanno sconfitto i Build by Gamers con un sonoro 3-0.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Strive

Fighting Weekend: tra Guilty Gear Strive e Dragon Ball FighterZ

Il fine settimana dedicata ai picchiaduro non è stato solo d’esclusiva Capcom e la tappa …