Home / Esport / “Cara Psyonix”: La lettera aperta dei team di Rocket League
Psyonix

“Cara Psyonix”: La lettera aperta dei team di Rocket League

Il mondo Esports ha ulteriormente allargato il proprio bacino d’utenza grazie alle varie attività svolge l’emergenza coronavrirus.
Sia organizzazioni presenti sul campo che nuova realtà hanno dato il loro supporto a tale espansione.
Tra le varie operanti in questo arco temporale, la Psyonix ha permesso di continuare la stagione competitiva ai team di Rocket League.
La cancellazione delle finali della Season 9 delle Championship Series è stata colmata attraverso la creazione delle Spring Series.
Quattro settimane dove stono stati incoronati altrettanti campioni delle varie regioni partecipanti alle Series.

Un quadro che presenta una tinta fosca rappresentata dal futuro delle competizioni del titolo Psyonix.
La mancanza di una programmazione per la Fase 2 e i silenzi della casa madre, hanno spinto varie formazioni a scrivere una lettera aperta verso quest’ultima.

Chiarezza per il futuro

Come riportato da TEO, tredici formazioni di varie regioni hanno inviato le loro richieste riguardo al futuro di Rocket League.
Le firmatarie di tale lettera sono:
BDS
Endpoint
eUnited
G2
mousesports
NRG Esports
Pittsburgh Knights
Renault Vitality
Rogue
Singularity
Spacestation Gaming
Susquehanna Soniqs
Veloce Esports.

Le tredici chiedono alla Psyonix una maggiore comunicazione da parte di quest’ultima sulle modalità di svolgimento del competitivo.
Tra le richieste vi sono:

1) Riunioni bisettimanali tra la casa madre e le formazioni con discussioni riguardanti la programmazione delle varie stagioni di campionato ed opportunità di marketing e partnership
2) Maggiore equità nella distribuzione dei premi tra i team e lo sviluppatore
3) Richiesta di ottenere la proprietà dello slot all’interno delle RLCS

Su questo punto, le tredici sono state chiare nei confronti della Psyonix, dove l’aver tale strumento consentirà di poter mantenere un ecosistema stabile e con una legislazione chiara.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Abarth

Abarth Virtual Racing League: il debutto dello scorpione

Lo scorpione entra nel mondo esportivo con una propria competizione, Abarth presenta la la sua …