Home / MOBA / Heroes of the Storm / Nexus Games: L’Italia supera il Regno Unito e vola ai playoff

Nexus Games: L’Italia supera il Regno Unito e vola ai playoff

Terminata la fase a gironi per l’Italia di Heroes of the Storm all’interno dei Nexus Games Europe 2017 con una grande vittoria contro il Regno Unito.
La formazione azzurra composta da: Buya, FatalError, Moldavius, Rayquaza e Cesc è riuscita a centrare il secondo posto assoluto nel girone A e si è quindi assicurata uno slot nella fase ad eliminazione diretta – che prenderà il via il 25 novembre con il primo quarto di finale.

Ottima prova di forza

L’Italia, dopo aver perso recentemente con la Francia per 2-1 e dopo aver vinto con il risultato di 2-0 contro la Finlandia nell’incontro inaugurale, ha affrontato la formazione del Regno Unito con la consapevolezza che sarebbe stato un match da “dentro o fuori”.
I giocatori azzurri, tuttavia, hanno saputo trovare la giusta concentrazione arrivando a vincere su Valle Maledetta la prima mappa della serie bo3.

In questa prima partita l’Italia ha sofferto terribilmente il gioco degli atleti inglesi, che sono passati in grande vantaggio ma che hanno clamorosamente sprecato nel finale finendo per essere rimontati e addirittura sconfitti dalla nazionale tricolore. Quest’ultima, forte del boss, è riuscita a sfondare le resistenze inglesi in bot lane prendendo il giusto vantaggio per chiudere i giochi in proprio favore, oltretutto senza utilizzare nemmeno la maledizione.
Nella seconda mappa, Miniere Infestate, la formazione inglese ha invece adottato una strategia molto particolare sin dalla fase di pick e ban. La scelta di giocare senza tank ma con Uther buildato per massimizzare la Q e Murky in split push, ha dato grande fastidio all’Italia, che si è trovata a rincorrere per tutta la mappa la formazione avversaria che puliva i campi o riusciva a “rubarli” grazie a Junkrat che si è rivelato un solido pick anche in fase di team fight e non solo di PvE.


Il fatto di dover poi stare attenti al posizionamento durante i Team Fight, sopratutto negli spazi stretti, ha costretto gli azzurri a dover affrontare una forte pressione e questo ha permesso alla formazione inglese di prendere il sopravvento nel finale e di chiudere i giochi con un push in bot lane davvero devastante.
Buona comunque la prova di Rayquaza con Leoric che ha salvato in più occasioni con la marcia del re nero (ultimate, ndr.) la sua squadra.
La terza mappa Contea del Drago ha visto gli atleti azzurri partire subito forte, sfruttando gli attacchi dalla distanza di SG. Hammer in top lane e bloccando le velleità avversarie di Sylvanas e compagni in bot lane.
Il primo drago della partita è stato infatti assicurato dalla formazione italiana che ha cercato di sfruttarlo nel migliore dei modi per guadagnare un buon vantaggio iniziale.


La scelta di utilizzare Azmodan, nell’ottica di un late game, si è rivelata quanto più azzeccata possibile e molte volte Moldavius è riuscito a capovolgere interi team fight completamente da solo, sfruttando le stack alla sua Q.
Nonostante questo, la formazione inglese è comunque sempre rimasta in partita, continuando a mettere pressione agli azzurri in più occasioni e finendo addirittura per tornare pericolosamente alla ribalta intorno agli ultimi minuti, sfruttando particolarmente in team fight le cure del doppio eroe di supporto e il primo Drago della partita in proprio favore.


L’Italia ha comunque resistito all’assalto del Regno Unito in bot lane perdendo una singola fortezza ma riuscendo a portarsi a casa le uccisioni del Macellaio, di Ana e di Uther e permettendo in questo modo un contro attacco per la formazione italiana che ha quindi chiuso i conti riuscendo a fare breccia nelle difese inglesi in bot lane e fissando il tabellino sul 2-1 definitivo.
Unica vera nota positiva per gli inglesi è stato Junkrat che, nelle ultime due partite, si è rivelato oggettivamente l’uomo in più della sua squadra e ha retto sulle sue spalle il peso di un’intera nazione.

Si vola ai playoff ma bisogna migliorare ancora

Nonostante la buona vittoria contro il Regno Unito che ci ha garantito uno slot alle fasi ad eliminazione diretta di questi Nexus Games Europe 2017, bisogna ammettere che in confronto agli incontri con Finlandia e Francia la formazione italiana ha sofferto terribilmente il gioco degli avversari ed in particolare degli specialisti e degli assassini a distanza che hanno creato non pochi problemi alle strategie azzurre.
L’Italia ha comunque dimostrato di essere tra le otto squadre più forti in Europa ed i nostri ragazzi avranno modo di trovare la giusta quadratura del cerchio in vista del prossimo incontro che li vedrà protagonisti nei quarti di finale di questi Nexus Games Europe 2017.

Rivivi le emozioni su HotsitaliaTV

Guarda [IT] Nexus Games Europe Day 4 di hotsitaliatv su www.twitch.tv
Grazie allo splendido lavoro di HotsitaliaTV e Ctrl Alt Cast è possibile rivivere le emozioni delle partite della nazionale commentate in esclusiva e in lingua italiana da Kryos, Magest e IlGiudice a cui vanno i più sinceri complimenti per la professionalità e il lavoro quotidiano che impiegano nel far crescere la comunità di Heroes of the Storm in modo sano e competitivo.

Presto tantissime novità su TGM esports, continuate a seguirci 🙂

Commenti

Altre info su Leonardo Vilona

Videogiocatore sin dalla tenera età, ha collaborato con molte realtà nel mondo degli eSports come amministratore e redattore, prima di approdare su The Games Machine Esports. Il suo sogno è quello di diventare giornalista. Il suo obiettivo è quello di dare un'informazione videoludica competitiva a 360°, The Games Machine Esports rappresenta per lui una grande opportunità!

Controlla anche

Invictus Gaming e G2 Esports

Invictus Gaming e G2 Esports sono le prime semifinaliste dei Worlds 2018

Dopo due sfide al cardiopalma, Invictus Gaming e G2 Esports sono le prime due squadre …