Home / MOBA / League of Legends / NA LCS revolution: la Lega americana di LoL perde pezzi

NA LCS revolution: la Lega americana di LoL perde pezzi

Il campionato americano di League of Legends vedrà nella Stagione 8 la più grande rivoluzione dai tempi della sua creazione. Riot Games, come sappiamo, ha introdotto una serie di importanti  cambiamenti riguardo l’NA LCS (che vedranno la luce al termine del Mondiale), tra cui l’eliminazione della Challenger Series in favore di una partnership in franchise di 10 team. Ciascuno di essi dovrà pagare una quota di 10 milioni di dollari lungo l’arco dei prossimi anni, più la somma di 5 milioni prima dell’inizio del campionato.

Ogni squadra è stata o è ancora in fase di contrattazione con il publisher riguardo la propria presenza nella Lega. Sebbene la lista definitiva delle partecipanti sarà resa nota dalla stessa Riot a fine novembre, già trapelano alcuni sorprendenti esiti di questi incontri.

Fuori Immortals, dentro Echo Fox

A perdere il proprio posto all’NA LCS, secondo alcuni report di ESPN, sono state ben 4 formazioni: i Phoenix1, il Team EnVyUs, il Team Dignitas e gli Immortals.
Questi ultimi, secondo indiscrezioni (non confermate), sarebbero stati rifiutati anche per via della loro partecipazione alla Overwatch League come team di Los Angeles, città che attualmente ospita proprio l’NA LCS.

A rimanere dentro la massima Lega americana saranno invece le 4 veterane Team SoloMid, Counter Logic Gaming, Team Liquid e Cloud9. Insieme a loro, manterrà il suo posto in campionato il team di Rick Fox, gli Echo Fox. Ancora nessuna notizia, invece, dal fronte FlyQuest*.

Una difficile ricostruzione

Il processo di ristrutturazione della Championship Series sta portando in casa Riot non pochi grattacapi.

I problemi riguardanti il campionato europeo si stanno facendo via via sempre più marcati e alcuni dei team – tra cui gli H2K – non hanno mai nascosto la loro volontà di trasferire il proprio roster in America. Ad aggiungersi a tali polemiche sulla gestione delle LCS sono state le forti proteste dei supporter degli Immortals, che hanno mal digerito l’esclusione della squadra dal circuito e le motivazioni trapelate sui siti d’informazione.

na lcs

Arrivati nella Top 3 in 3 degli ultimi due anni, gli IMT hanno saputo conquistare e coltivare la propria fanbase in un ambiente dominato da team veterani. Nonostante l’insuccesso al World Championship e la recente esclusione dal Knockout Stage, dunque, in pochi si sarebbero aspettati un colpo di scena così clamoroso.
Né Roit Games né la società hanno attualmente rilasciato dichiarazioni in merito, lasciando ai delusissimi tifosi nient’altro che dei rumor riguardo le motivazioni della sua esclusione dall’NA LCS.

Possibile che il conflitto con la Overwatch League ne sia davvero la causa? Difficile. Il publisher ha infatti accettato i Cloud9, proprietari dell’unico team europeo della Lega Blizzard (quello di Londra), nonostante gli attuali attriti con il Vecchio Continente. La ragione potrebbe semplicemente risiedere nel dubbio che gli Immortals – proprietari di altri 4 team oltre a quello di LoL – possano essere in grado di sostenere un altro cospicuo investimento dopo i 20 milioni spesi su Overwatch.

A questo punto la domanda sorge spontanea: chi sostituirà le 4 escluse? L’ipotesi che qualche squadra europea possa migrare oltreoceano è tutt’altro che remota. Tuttavia, il primo nome a spuntare fuori è stato quello un un outsider: gli OpTic Gaming, club tutt’ora impegnato principalmente negli FPS, avrebbero infatti raggiunto un accordo con la Riot proprio in questi giorni, entrando in questo modo nella lista dei team iscritti alla Stagione 8 dell’NA LCS.

 

*Aggiornamento delle 20:30
Secondo la stampa americana, i FlyQuest avrebbero ricevuto il via libera da Riot Games per partecipare alla Season 8.

Commenti

Altre info su Moory

Dopo aver terminato i suoi studi in giornalismo continua a stare ore a giocare al PC, ma con meno sensi di colpa. Adora i videogame perché ama immergersi nelle atmosfere magiche di qualsiasi mondo fantasy - da Lordran a Runeterra, da Atreia alla Sardegna. Dal cibo, sua altra grande passione, ha portato all'interno delle sue esperienze videoludiche la predilezione per il sale.

Controlla anche

Yiannis Exarchos

Per Yiannis Exarchos gli esport potrebbero trovare casa nel Canale Olimpico

In un’intervista a Reuters, il direttore esecutivo del Canale Olimpico Yiannis Exarchos si è nuovamente espresso in …