Home / Picchiaduro / Marvel vs. Capcom / L’ultimo giorno della MGW 2017: Red Bull e Capcom chiudono i giochi

L’ultimo giorno della MGW 2017: Red Bull e Capcom chiudono i giochi

foto di PG Esports

La Milan Games Week è stata senza dubbio un successo dal punto di vista delle affluenze. Dopo ben 2 giorni di intensa fiera il numero di visitatori nel padiglione riservato all’esport non accenna a diminuire. Un flusso continuo di appassionati e curiosi si riversa nei vari stand e nella gigantesca arena di Personal Gamer. L’ultimo giorno della MGW è stato intenso come i precedenti. Le luci della ribalta questo 1 ottobre sono state rapite quasi interamente da a 2 tornei: le finali del popolare torneo di League of Legends Red Bull Factions e le finali della regione europea del Campcom Pro Tour.

Le finali Red Bull Factions incendiano la PG Arena

Se qualcuno ancora dubitasse delle possibilità di crescita dell’esport italiano, questa settimana Milano ha dato tutto il necessario a sepellire ogni dubbio. In una arena targata Personal Gamer in festa alcuni dei più rinomati team italiani si sono sfidati in un evento pieno di spettacolo. Il tutto è stato trasmesso anche sul canale Twitch ufficiale di Red Bull Italia ed ha attirato quasi 30 mila visitatori durante l’arco della giornata. Le 4 aggueritissime finaliste sono scese in campo per aggiudicarsi il trofeo del Red Bull Factions di quest’anno: iDomina, Outplayed, Next Gaming e i Team Forge. E sono stati proprio i campioni in carica a conquistare l’arena. Con una splendida serie di vittorie la squadra sarda ha portato a casa le proprie sfide, prima contro i Next Gaming e successivamente contro gli Outplayed/WaR senza mai perdere una partita. La società di Sirbone ha messo così in tasca il secondo 1° posto del weekend dopo la vittoria alle qualifiche italiane per l’IeSF World Championship disputate allo stand Asus, confermandosi ancora una volta il club da battere in molti settori esport dello Stivale.

ultimo giorno della MGW 2017
foto di PG Esports

Il palco dedicato ai picchiaduro Capcom

Una buona parte della zona centrale del padiglione 12 è stato invece invaso dai giochi di combattimento della Capcom. Ad aprire le danze, e fare da evento d’apertura, è stata la Battaglia per le pietre di Marvel vs. Capcom:Infinite. Sebbene tutti i match siano stati emozionanti, hanno pesato un poco sul torneo i problemi che un titolo così acerbo spesso comporta. A vincere la sfida, dominata dal mezzo demone della serie Devil May Cry Dante (usato in ogni singolo incontro), è stato il californiano “richardnguyen”.

Senza troppi indugi dunque si è subito passati alla portata principale. Tuttavia è con un poco di rammarico che mi sento costretto a iniziare con una premessa negativa. Il fatto che l’area riservata alla finale europea del Capcom Pro Tour fosse grande e l’affluenza sia stata numerosa è un ottimo presagio di un futuro sempre più roseo per i picchiaduro. Sin da subito però è parso ovvio che per gli spettatori della fiera non sarebbe stato facile seguire il torneo. Così come accaduto in quello precedente precedente, il maxischermo principale ha trasmesso un video diretto proveniente dalla console dei giocatori. Assenti dunque sia le voci esperte dei due caster in lingua inglese F-Word e Tyrant (allogiati in una stanza separata) che l’overlay ufficiale in cui sono mostrati i nomi dei due giocatori ed i progressi del torneo. Purtroppo è mancato anche qualcuno che dal palco prendesse in mano la situazione. Nessuno ha presentato le sfide in una maniera consona alla portata dell’evento e ai sacrifici fatti finora da tutti gli organizzatori e ha premiato il vincitore. Poco o nulla ha dato segnale ai visitatori della MGW che, proprio dietro la PG Arena, fosse in corso l’epilogo dell’appuntamento europeo più prestigioso dell’anno per i giocatori di SFV. Un vero peccato.

Il vincitore del Pro Tour

Ma non indugiamo sui lati negativi. Le partite offerte sono state di ottimo livello e i giocatori hanno dato il massimo per arrivare al primo posto. A raggiungere l’agognato traguardo è stato Mouz | Problem X, dominando gli avversari. Ottavo classificato nel ranking mondiale di Street Fighter V, l’inglese ha raggiunto la vittoria senza mai perdere una serie e raccimolando lungo la gloriosa via del Winners Bracket ben pochi incontri persi. Problem X ha raggiunto la Grand Final sconfiggendo MD|MisterCrimson per 3-0 e la pericolosissima R.Mika di RB |Luffy in una fantastica serie per 3-2. Nell’ultima sfida della giornata il suo impressionante M.Bison ha siglato con un 3-1 la sconfitte BX3 | Phenom ed il suo Necalli.

Commenti

Altre info su Gian Filippo Saba

Avido giocatore di qualsiasi genere possibile. Alto 1 metro e 80, pesante quanto un ramoscello d'ulivo, è fortemente convinto che la bravura ai videogames sia direttamente collegata al proprio indice di massa corporea. Nonostante ciò pensa ugualmente di esser il Prescelto in virtù di un sogno rivelatore avuto alla tenera età di 6 anni, in cui Crash Bandicoot gli rivelò i segreti del mondo videoludico.

Controlla anche

Ufficializzate date e abbinamenti per il Mid Season Invitational 2018

Le manine magiche di Jonas “Kold” Andersen ci hanno dimostrato che non sanno solo cliccare …