Home / MOBA / League of Legends / Gran Finale NA LCS: i TSM vincono contro gli Immortals

Gran Finale NA LCS: i TSM vincono contro gli Immortals

Si dice che la storia sia un ciclo destinato a ripetersi.  Sembra che questo succeda davvero spesso nell’esport. Un’altra stagione del campionato americano di League of Legends si conclude al TD Garden a Boston. Ed ancora una volta i TSM vincono il titolo e un posto ai mondiali. Questa volta ad opporsi al brand storico sono gli Immortals, ma a spuntarla sono di nuovo i campioni in carica.

Il cammino del re

I numeri non mentono. Arrivati primi nella stagione regolare con un punteggio di 14-4, i TSM sono sembrati più in forma che mai. Gli unici in grado di egualiare il loro risultato sono stati i giocatori dell’altra squadra finalista. Altri 2 team storici, come i CLG e i Cloud 9, si sono invece dovuti accontentare di concludere rispettivamente al 3° e 4° posto, giusto un passo avanti ai Dignitas. E se i campioni dei Team Solo Mid si sono rivelati pericolosi durante tutto l’arco della stagione, è durante i Playoff che i giocatori hanno davvero mostrato le loro carte. Come da tradizione negli scontri decisivi i TSM macinano vittorie su vittorie. Con un secco 3-1 costringono i carichissimi Dignitas, reduci dalla strabiliante vittoria contro i C9, alla finale per il 3° gradino del podio.

L’ultima sfida

Anche gli Immortals raggiungono la serie decisiva con relativa facilità. La squadra di Pobelter infligge un secco 3-0 ai sempre pericolosi CLG in una semifinale a senso unico. Sconfiggere in finale i TSM però è tutt’altra storia. Nonostante le ottime performance durante la stagione e la schiacciante vittoria che li ha portati ad un passo dalla vetta, agli Immortal sembra mancare qualcosa. Il team è formato da giocatori abili e pieni di estro ma spesso non riescono a capitalizzare sul successo che riescono ad ottenere. Questo trend non si ferma anche nella sfida contro l’MVP della stagione Bjergsen e compagni, che dall’alto della loro esperienza riescono a punire ogni più piccola insicurezza degli avversari. Anche quando gli Immortal sembrano bene indirizzati verso la vittoria i teamfight sembrano sfavorirli. In tutto la squadra riesce a portare a casa un solo incontro. Con un pesante 3-1 i campioni dei TSM vincono un altro split e sollevano la coppa al cielo.

Commenti

Altre info su Gian Filippo Saba

Avido giocatore di qualsiasi genere possibile. Alto 1 metro e 80, pesante quanto un ramoscello d'ulivo, è fortemente convinto che la bravura ai videogames sia direttamente collegata al proprio indice di massa corporea. Nonostante ciò pensa ugualmente di esser il Prescelto in virtù di un sogno rivelatore avuto alla tenera età di 6 anni, in cui Crash Bandicoot gli rivelò i segreti del mondo videoludico.

Controlla anche

Ben Brode lascia la Blizzard

È di ieri sera la notizia che ha lasciato i giocatori di Hearthstone a bocca …