Home / FPS / CS:GO / The G2 Day: la società di Ocelote domina su LoL e CS:GO

The G2 Day: la società di Ocelote domina su LoL e CS:GO

Ne hanno fatta di strada i G2 Esports. Nati nel 2014, hanno raccolto un guanto di sfida particolare: guadagnare il rispetto e l’affetto di un pubblico già affezionato ai veterani idoli dell’esport. Con sacrifici e tanto, tanto talento, non si può dire che la loro missione non sia stata un successo.

In tre anni, la società fondata dall’ex professionista di League of Legends Carlos “ocelote”Rodríguez Santiago ha macinato successi non solo sul suolo europeo, ma anche sui più importanti palchi internazionali, entrando nell’Olimpo videoludico competitivo a capo di una folta schiera di sostenitori, la G2Army. E ieri, un po’ come un’ulteriore consacrazione, i G2 Esports hanno messo il sigillo bianconero su due dei più prestigiosi traguardi estivi: l’EU LCS e il DreamHack Malmö.

EU LCS: l’Armata piega Parigi

Ci hanno provato in tanti questo split. Prima i Fnatic, vincitori dell’ultimo duello faccia a faccia durante i group stage. Poi gli outsiders Misfits, capaci di sorprendere quasi chiunque con un finale di campionato superbo quanto inaspettato. Quasi chiunque, perché i G2 non si sono lasciati distrarre dalla loro corsa verso la coppa europea.

L’obiettivo di conquistare il 4° split dell’EU LCS è stato centrato nel migliore dei modi: un 3-0 che non lascia spazio a tanti dubbi riguardo il loro stato di forma e il premio Gran Final MVP per il support Mithy. L’Armata è ancora la formazione da battere nel Vecchio Continente e, forse, anche sulla strada verso il podio del World Championship.

La conferma al DreamHack Malmö

Contemporaneamente alle finali di League of Legends, la serie di tornei Premier dei DreamHack Masters di CS:GO ha fatto un’importante tappa a Malmö. Con 100 mila dollari sul piatto come primo premio, l’obiettivo per il team francese dei G2 Esports è stato chiaro fin da subito.

In testa al girone B, poi vittoriosi nei playoff prima contro i giganti brasiliani SK Gaming poi contro i Ninjas in Pyjamas. In questo modo Shox e compagni sono arrivati in finale, pronti a sfidare i danesi North. L’ultimo match, così come quello dei loro colleghi a Parigi, non ha lasciato spazio alle interpretazioni. Il secco 2-0 inflitto agli avversari ha fatto salire i G2 sul gradino più alto del podio per la seconda volta in un giorno.

g2

 

Commenti

Altre info su Erica Mura

Dopo aver terminato i suoi studi in giornalismo continua a stare ore a giocare al PC, ma con meno sensi di colpa. Adora i videogame perché ama immergersi nelle atmosfere magiche di qualsiasi mondo fantasy - da Lordran a Runeterra, da Atreia alla Sardegna. Dal cibo, sua altra grande passione, ha portato all'interno delle sue esperienze videoludiche la predilezione per il sale.

Controlla anche

Copa America 2018 Season 3: la legge Special del tre

La Copa America 2018 Season 3 è stata una delle cartine di tornasole per verificare lo …