Home / News / Salvate il soldato “The Colosseum”

Salvate il soldato “The Colosseum”

Premessa

Prima di mettere mano a questo articolo mi sono preso qualche giorno per riordinare le idee.
Subito dopo l’uscita del recap del day 1 del “The Colosseum”, sono stato accusato di aver prodotto un falso, di aver ignorato tutti gli insulti e le critiche prodotte da spettatori e giocatori nei confronti dell’organizzazione, di aver dato il minimo peso a tutta una serie di problemi organizzativi che anzi erano stati evidenti e sotto gli occhi di tutti.

Oggi mi sento di dire che chi ha avuto il coraggio di criticare il mio articolo, ha avuto ragione.
Perchè mi sarei dovuto concentrare sui problemi alberghieri, su quanti e quali ristoranti sarebbero stati utili ai giocatori in zona, avrei dovuto parlare della vicenda del ragazzo di Taiwan a cui hanno rubato dei soldi, avrei dovuto parlare della figura che è stata fatta a livello internazionale con Red Bull, avrei dovuto recensire la sala LAN, le sue periferiche audio parzialmente malfunzionanti e la sua connessione piuttosto che parlare di esports.

Oppure, cambiando completamente focus, avrei dovuto parlare del fumettista Walter Baiamonte (opera in alto), una delle poche note positive di un grigio evento.

Ma ho deciso di non farlo.

Il motivo è semplice, dal mio punto di vista, tutte giustissime osservazioni adatte però ad un giornale che al posto di parlare di Sport Elettronici si occupa di gossip.

Tutti questi problemi, incontestabili, per carità, e di cui si è ampiamente discusso nei vari gruppi e canali tematici sono riusciti a mettere in secondo piano il vero obbiettivo del Capcom Pro Tour, lo Sport Elettronico, l’aggregazione tra giocatori.

Il mio intento oggi è quello di parlare solo ed esclusivamente della parte esportiva, della parte aggregativa dell’evento e del sano agonismo.

Sono conscio del fatto che questa possa rappresentare una scelta difficile da accettare per il lettore arrivato qui con il coltello tra i denti pronto a far battaglia ma vorrei mettere da parte, almeno qui, le considerazioni e le critiche su un evento che oggettivamente poteva e doveva essere organizzato meglio.
Con questo ci tengo a precisare che il mio compito non è quello di sostituirmi a chi ha organizzato l’evento che può tranquillamente dare la sua versione ufficiale attraverso canali propri, ma è quello di fare informazione.

Una parata di stelle

Alla tappa italiana del Capcom Pro Tour 2017 organizzata dall’Italian Gaming Championship all’interno della sala lan Level up in Roma in collaborazione con il settore MSP Italia “Sport Elettronici”, non potevano di certo mancare giocatori di altissimo livello internazionale che si sono dati battaglia per la conquista dei premi e dei punti per il circuito mondiale.

Tra i nomi “stellari” troviamo in primis il vincitore dell’evento: “Bonchan” giocatore Giapponese e testa di serie numero 1 del torneo, a seguire: Oil King, Big Bird, Afii, PackzUK, Shakz, ProblemX, Will2pac, Akainu, Imstilldadaddy, Mr.Crimson e tantissimi altri che hanno arricchito con la loro presenza un evento internazionale di tutto rispetto, anche se oggettivamente la partecipazione sarebbe potuta essere più alta.

Nella foto una panoramica dei migliori 16 giocatori classificati con relativi personaggi utilizzati e punti guadagnati in ottima Capcom Pro Tour 2017.

Bene ma non benissimo gli italiani

Buona anche la partecipazione dei giocatori italiani tra cui troviamo tra tutti: Schiaccisempre, Mr.Wolf, Kaino, Jotaro, Sean2dgod, Devilfangio, Eridone e Matteo Licata che hanno raggiunto in massa la seconda fase del torneo, pur non riuscendo a brillare nel winner bracket e nel loser dove sono stati rapidamente eliminati, ad eccezione di Mr.Wolf che battendo in un derby tutto italiano per 2-1 Schiaccisempre è riuscito a conquistare un buon ottavo di finale.
Nell’incontro successivo è arrivata tuttavia per 2-0 la sconfitta contro il temibile Oil King che ha costretto il giocatore italiano a fare gli straordinari battendo alla grande per 2 a 1 x3Terror nel match avutosi nel conseguente tabellone di recupero che ha mandato il pubblico letteralmente in visibilio.
La vittoria sul giocatore degli ECV ha regalato al giocatore italiano una straordinaria top 16.
Nella video/diretta qui riportata gli ultimi momenti dello scontro con Mr.Crimson terminato 3 a 0 con rammarico in favore del giocatore del team MeltDown che ha messo fine all’avventura dell’ultimo nostro giocatore italiano all’interno del torneo.

Schiaccisempre vola a Parigi

Un vero e proprio colpo gobbo da parte del giocatore del Team Atrax “Schiaccisempre” che è riuscito a sconfiggere per 10 a 6 Mr.Wolf nel match valevole per la qualificazione al Red Bull Kumite che si terrà Parigi il 26 e 27 maggio.
Tramite un comunicato sulla sua pagina facebook il talento italiano ha dichiarato di non essere comunque pronto per un evento di tale portata ma cercherà di allenarsi al meglio con i pochi mezzi a sua disposizione in vista di un torneo che potrebbe rappresentare per lui un grande trampolino di lancio a livello internazionale.

Un podio da urlo

A portarsi a casa i premi offerti dall’organizzazione sono stati Bonchan (vincitore), Big Bird e Oil King che si sono aggiudicati anche diversi punti validi per il circuito mondiale del Capcom Pro Tour 2017.

Un messaggio in conclusione

Voglio chiudere questo articolo con dei ringraziamenti, doverosi, a tutti i partecipanti alle discussioni sui social e più in generale a tutti i giocatori che si sono distinti sia dentro che fuori dall’area di gioco.
Il 6 e 7 maggio è stata la mia prima esperienza come reporter di Street Fighter, un gioco completamente nuovo per me che mi ha fatto conoscere una realtà esportiva italiana davvero incredibile sotto tantissimi punti di vista ed a cui auguro un grande e radioso futuro.

Presto tantissime novità su TGM esports, continuate a seguirci!

Link utili

Bracket

Sport Elettronici

Italian Gaming Championship 

 

 

 

Commenti

Altre info su Leonardo Vilona

Videogiocatore sin dalla tenera età, ha collaborato con molte realtà nel mondo degli eSports come amministratore e redattore, prima di approdare su The Games Machine Esports. Il suo sogno è quello di diventare giornalista. Il suo obiettivo è quello di dare un'informazione videoludica competitiva a 360°, The Games Machine Esports rappresenta per lui una grande opportunità!

Controlla anche

terza settimana dello stage 3

Boston capolista dopo la terza settimana dello stage 3 della OWL

Lo stato di incredibile forma dei Boston Uprising non accenna a calare, neanche durante la terza settimana …