Home / Esport / SEA Icon National Finals Week 3: Filippine e Indonesia
Icon

SEA Icon National Finals Week 3: Filippine e Indonesia

Altro fine settimana di League of Legends: Wild Rift dedicato alle finali nazionali all’interno del circuito SEA Icon Series.
Terzo appuntamento dove a scendere in campo sono nuovamente le formazioni delle Filippine e, per la prima volta, quelle dell’Indonesia.

In quel di Manila, otto compagini si sono sfidate nella sessione autunnale della Pro Gaming League.
Rassegna che fornisce alla vincitrice e alla finalista i pass per le finali regionali con inizio già dal prossimo weekend.
Competizione i cui favoriti erano Team Secret, in cerca di riscatto dopo la sconfitta nella finale estiva contro gli Animan Esports.
I bianconeri, approfittando anche dell’assenza dei campioni in carica, riescono ad imporre il proprio dominio, lasciando pochi margini agli avversari.
Dimostrazione è il percorso verso la vittoria realizzato da Trebor e compagni, i quali cedono solo un set in tutto il torneo.
Punto della bandiera conquistato dai FENNEL Academy nella Gran Final in cui i Secret chiudono la pratica col punteggio di 3-1.

Dalle Filippine all’Indonesia dove anche la sessione autunnale locale forniva due pass per le finali regionali.
Un torneo dove,la vincitrice della scorsa tornata ha chiuso le attività mentre la finalista ha cambiato belle.
Gli Onic Esports, dopo il dodicesimo posto in regular season, hanno rilasciato il roster mentre i Bigetron Infinity sono stati acquisiti dagli ION Esports.
Un cambio che non ha giovato visto la loro quinta posizione, lasciando quindi spazio a due nuove realtà.
Elementi che prendono il nome di Boom Esports e MBR Esports che si sono fronteggiate per la conquista dell’alloro nazionale.
Una sfida senza storia quella andata in scena con gli MBR nettamente più in forma e in giornata di grazia.
Dimostrazione è il risultato dell’ultimo atto, concluso con l’affermazione di Alvez e compagni con un netto 4-0. 

Il quadro è completo

Con le finali sopracitate, il quadro delle qualificate alle SEA Icon Series Finals si può ritenere concluso.
Venti partecipanti provenienti dal Sud Est Asiatico e dall’Australia dove, a rappresentare la terra dei canguri sono i Azure Esports.
Gli azzurri conquistano il pass per l’ultimo step battendo in finale gli Wealth By God col risultato di 3-2.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Strive

Fighting Weekend: tra Guilty Gear Strive e Dragon Ball FighterZ

Il fine settimana dedicata ai picchiaduro non è stato solo d’esclusiva Capcom e la tappa …