Home / Shooters / Apex Legends / GLL Apex Legends Series: il Natale dei battle royale
GLL

GLL Apex Legends Series: il Natale dei battle royale

Natale si sta avvicinando e con esso anche il finale di stagione di molte competizioni tra cui quelle dedicate ai battle royale.
Con Fortnite che sarà protagonista la prossima settimana con la Winter Rotale, le attenzioni si sono spostate su Apex Legends.
Il titolo di Respawn ed EA Games ha presentato lanuova edizione delle GLL Apex Legends Series, competizione divisa in nelle regioni EMEA e Nord America.
Girone europeo con presenza di due team italiani, i Samsung Morning Stars di Nisa e gli FerrariBreach di Streamiii.
Rappresentanza azzurra arricchita da Cyber8, presente all’interno del roster dei lusitani K1ck Esports Club.
Campagna non particolarmente soddisfacente per le due compagini italiane, le quali concludono nei bassifondi della classifica generale tra la quattordicesima e la sedicesima posizione.

Nei piani alti invece la sfida ai 10.000$ di primo premio è stata tra i Virtus Pro e i Luminosity Gaming, un testa a testa dove a puntarla son stati i secondi.
Il team russo vince la competizione con 112 punti rappresentate in primis dalle due vittorie nel round sei e undici.
Il team azzurro stacca di 16 punti i Virus che chiudono al secondo posto con 96 mentre la lotta per il terzo è vinta dai Reciprocity EU con un vantaggio di due punti sui Natus Vincere.

Quattro team per il trono

Più combattuta la sfida all’interno del girone nordamericano con quattro formazioni in caccia delle GLL locale.
TSM, Sentinels, Rogue e The Yungins and Frexs si sono divise vittorie e piazzamenti in tutte i round della rassegna.
Una disputa dove ad uscirne trionfatori sono i TSM, la formazione guidata da Reps conquistano i 10.000$ di primo premio grazie alle tre vittorie ottenute nei round cinque, sette e undici.
Un bottino di 124 punti e un distacco di 19 lunghezze sui Sentinels, a chiudere il podio vi sono i Rogue che, grazie al secondo posto dell’ultimo round, sopravanzano gli Yunglins.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Deen

Professionista ad otto anni: il caso Joseph Deen

Fortnite è sempre stato al centro dell’attenzione, sia nella buona che nella cattiva sorte, all’interno …