Home / Esport / Rocket League Championship Series S8: Madrid a stelle e strisce
Rocket

Rocket League Championship Series S8: Madrid a stelle e strisce

Il Palacio Vistalegre di Madrid è diventato una delle arene più importanti del panorama esportivo dove in questo fine settimana si sono svolte le fasi finali della Stagione 8 delle Rocket League Championship Series.
Il titolo Psyonix/Epic Games saluta il 2019 con sedici team approdati in Spagna alla caccia del titolo dei Renault Vitality conquistato quest’estate.
Un mondiale, quello spagnolo, in cui si conferma il divario tra Europa e Nord America rispetto alle altre due regioni presenti.
I rappresentati di Sud America ed Oceania salutano la competizione nelle prime fasi con i Renegades a lottare per un posto nella seconda fase.
La formazione australiana esce sconfitta nel match decisivo del girone A contro i Veloce Esports, il team inglese vince per 3-1 dopo una strenua battaglia.
Gironi che vengono vinti dagli NRG Esports (3-2 sui Vitality) e Dignitas (3-0 sui SpaceNation Gaming).

Finale al cardiopalma

La sfida tra Europa e Nord America si aggiunge di un nuovo capitolo dove a scontrarsi per il titolo mondiale vi sono gli NRG Esports e i Renault Vitality
I Nordamericani giungono all’ultimo atto dopo la vittoria agevole in semifinale contro gli Spacestaion Gsming per 4-1.
Più articolato il percorso dei francesi che superano i Pittsburgh Knights ai quarti e i Dignitas in una semifinale risolta solo al settimo set.

Una finale delle Rocket League Championship Series Season 8 a nervi tesi dove entrambi i team hanno venduto cara la pelle.
Una sfida terminata al settimo e decisivo set dove soltanto il supplementare ha decretato la vittoria degli NRG grazie al golden-gol di JSTN al ventunesimo secondo.
Primo successo mondiale per gli NRG, una vittoria dal sapor di record per uno dei suoi componenti.
Infatti per lo svedese TurboPulsa si tratta del quarto alloro mondiale con il quale diventa il giocatore più vincente della storia di Rocket League.

 

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

CIO

Il no del CIO alla partership con la Global Esports Federation

Il dibattito sull’ingresso degli Esports all’interno dei Giochi Olimpici ha subito una brusca frenata in …