Home / CGC / HCT Oslo Tour Stop: Turna porta il tricolore sulla vetta

HCT Oslo Tour Stop: Turna porta il tricolore sulla vetta

All’HCT Oslo Tour Stop erano tutti molto preparati, ma solo uno lo è stato più degli altri:sto parlando del nostro italiano Marco “Turna” Castiglioni che ha conquistato la vetta sopra più di 200 partecipanti.

Chi è Turna ?

Molti si sono già risposti da soli, ma per chi fosse nuovo del settore, Turna è un giocatore professionista di Hearthstone facente parte degli Exeed Esports, ed è inoltre l’italiano con più successi -sia nazionali che internazionali- del gioco di carte di casa Blizzard e alla fine dello scorso anno ci ha aiutati a valutare le carte di Kobolds & Catacombs con una bella recensione.

Qual’è il segreto del suo successo ?

Sicuramente il fatto di essere un veterano del gioco e dei tornei gli ha garantito una maggiore tranquillità nell’affrontare avversari temibili nell’HCT Oslo Tour Stop, come il ceco Faeli, il finalista che ha battuto per vincere i 3000€ in palio.

Per batterlo -e arrivare a batterlo- l’elemento fondamentale è stata la scelta del suo quartetto di mazzi composti da Combo Dragon Priest (bannato in finale), Cube Warlock, Spell Hunter e Aggro Dude Paladin.

Ultimi, ma non ultimi, i suoi compagni di squadra degli Exeed Esports: Elmachico e Swaggermeist, che gli ha fatto compagnia fino alla top8 detenendo il record di winrate nella fase di svizzera.

Non rimane che augurarci che questo sia il primo di tanti traguardi che l’Italia per dimostrare il proprio valore a livello mondiale.

Commenti

Altre info su Andrea Capone

Appassionato sin da piccolo di videogiochi e giochi di carte, si ritrova ora a scrivere di videogiochi di carte! I giochi di riflessione sono la sua passione e vorrebbe crearne uno in futuro!

Controlla anche

La Federazione Calcistica Tedesca (DFB) apre le porte all'esport, ma a una condizione...

La Federazione Calcistica Tedesca (DFB) apre le porte all’esport, ma a una condizione…

Questo venerdì sono arrivate nuove notizie dalla Germania, ancora una volta grazie a Reuters. La …