Home / MOBA / League of Legends / Finali LPL: gli Edward Gaming sono di nuovo campioni

Finali LPL: gli Edward Gaming sono di nuovo campioni

Dopo la Corea, anche per la Cina è arrivato il momento di incoronare i propri campioni. Proprio oggi, 1 settembre, in mattina si è conclusa la Grand Final della maggiore serie di League of Legends del Paese più popoloso al mondo. E la sfida è di sicuro stata di livello mondiale. Grazie ad una scena competitiva spietata le squadre di LoL Pro League sono cresciute e migliorate in maniera costante negli ultimi anni. Le finali LPL sono state accese e combattute ma ancora una volta a farla da pradroni sono stati i pluripremiati Edward Gaming.

Una finale non scontata

Sebbene a raggiungere l’ultima sfida dello split estivo siano stati i due team che hanno dominato tutti sin dalle prime fasi, la finale è stata tutto fuorché scontata.

I Royal Never Give Up (RNG) hanno sin da subito dimostrato di avere tutte le carte in regole per diventare campioni. Con un punteggio di 12-4 hanno surclassato gli avversari nel gruppo B e si sono guadagnati un biglietto diretto per le semifinali.

Nei playoff si sono ritrovati davanti una squadra non da poco. I campioni dello Spring Split e secondi classificati (con lo stesso numero di vittorie del primo) Team WE si sono dimostrati un avversario ostico anche per gli RNG. In una best of 5 tiratissima questi ultimi però son riusciti a spuntarla e con un risultato di 3-2 hanno strappato agli avversari il biglietto per la serie successiva.

Ad aspettarli nelle finali i veterani degli Edward Gaming. Anche la via degli EG non è stata priva di difficoltà. La loro semifinale contro gli Invictus Gaming è stata un continuo botta e risposta e si è risolta ancora una volta per un 3-2.

finali lpl

Una vittoria sofferta

La Grand Final è iniziata nei peggiore dei modi per gli Edward Gaming. Grazie alle straordinarie performance di LetMe, Xioahu e dello spiazzante Ezreal messo in campo da Uzi gli RNG portano a casa la prima partita. La seconda partita è una vittoria ancora più pesante per i Royal Never Give Up. Nessuna delle lane degli EDG sembrano essere in grado di competere e la partita si conclude al 33esimo con una schiacciante vittoria degli RNG i quali, con un vantaggio di quasi 20 mila di oro e il buff di Baron, invadono la base dei frastornati avversari.

La serie sembra ormai destinata a concludersi in favore degli RNG. Una sola vittoria permetterebbe alla squadra di portare a casa le finali LPL con un secco 3-0. Trovandosi ormai con le spalle al muro, gli Edward Gaming non hanno altra scelta che tuffarsi e combattere. Non troppi avrebbero potuto immaginare però che gli EDG fossero davvero in grado di riportare la situazione in carreggiata. Con le unghie e con i denti portano a casa la vittoria in una partita tiratissima e fanno un piccolo passo verso il reverse sweep.

Sfruttando il momentum della prima vittoria, gli EDG diventano inarrestabili. Nonostante un solo errore potesse portarli alla sconfitta i veterani non hanno paura di rischiare e riescono a riportare la situazione in assoluta parità. Ed è proprio durante l’ultimo match della giornata che gli Edward Gaming riescono a compiere il vero miracolo. Partendo dal più grande svantaggio possibile, contro un team sulla carta probabilmente superiore, riescono a vincere la Best of 5 per 3-2. Grazie alla loro incredibile rimonta gli Edward Gaming diventano i campioni dello Summer Split LPL 2017.

Commenti

Altre info su Gian Filippo Saba

Avido giocatore di qualsiasi genere possibile. Alto 1 metro e 80, pesante quanto un ramoscello d'ulivo, è fortemente convinto che la bravura ai videogames sia direttamente collegata al proprio indice di massa corporea. Nonostante ciò pensa ugualmente di esser il Prescelto in virtù di un sogno rivelatore avuto alla tenera età di 6 anni, in cui Crash Bandicoot gli rivelò i segreti del mondo videoludico.

Controlla anche

Paris-Saint Germain

Il Paris-Saint Germain stringe un nuovo accordo con gli LGD e sbarca su FIFA Online

A maggio di quest’anno vi avevamo parlato del rumor che vedeva l’approdo del Real Madrid …