Home / Approfondimenti / Esports e calcio italiano: dove eravamo rimasti?
calcio italiano

Esports e calcio italiano: dove eravamo rimasti?

Con l’inizio della stagione calcistica e l’uscita delle nuove edizioni di FIFA e PES, molte sono le formazioni che entrano nel mondo esportivo o attuano un vero mercato trasferimenti.
L’esperienza degli scorsi anni ci ha insegnato che talvolta l’annuncio di una new entry deve essere preso con le pinze, visto il proseguo non certo esaltante di tali avventure. La stagione 2020 del calcio italiano dovrebbe essere quella della parificazione con gli altri campionati europei di primo livello.
Le tappe verso la formazione della Nazionale Italiana per EURO 2020 sono state solo il primo passo verso tale obiettivo ma la domanda sorge spontanea: le formazioni italiane sono pronte?

Serie A

Ovviamente iniziamo a parlare della Serie A Tim, il primo livello della scala gerarchica del calcio nazionale. Si presumeva che, dopo l’annuncio fatto da Luca Pagano su Italia 2 durante la diretta delle finali di FIFA 19, ci fossero tutte le 20 formazioni presenti nel campionato di quest’anno.
Invece, tra conferme e ritorni, se ne possono contare soltanto sei: Bologna, Parma e Sampdoria hanno confermato i loro roster, la Roma invece riduce il proprio organico salutando lo svedese Zimme, mentre si segnala il ritorno del Genoa (per la quarta volta, ndr) dove è stato ingaggiato Mattia “Woski99” Mannella.

Delle sei mancano notizie dal Torino, il quale, lo scorso maggio, aveva organizzato la Torino FC Esports Cup vinta da Matteo Scarfone. Una situazione che appare ancora in evoluzione con le grandi del Nord (Juventus, Inter e Milan) alla finestra a scrutare l’orizzonte e le regine del centro-sud (Fiorentina, Lazio e Napoli) in balia degli eventi.

Serie B

Doveva essere il primo campionato del calcio italiano ad avere una costola videoludica competitiva. La Serie BKT ha trovato intoppi nel progetto presentato ad inizio anno durante l’Assemblea di Lega.
Il non avere ancora deciso il titolo a cui cedere i diritti ha condizionato lo sviluppo di tale evento. Tutto ciò provoca una minor presenza di società calcistiche nel mondo videoludico competitivo.
Le conferme di Perugia ed Empoli rappresentano un piccolo passo non sufficiente, però, a smuovere l’interesse generale.

View this post on Instagram

É stato presentato il team eSports dell’A.C. Perugia Calcio per la stagione 2019/2020. I gamers che giocheranno con il Grifo sul petto saranno Elia “Ruggio” Rugini e Celestino Terniqi. La grande novità è la presenza di Francesco Lillacci, allenatore della squadra: “Sarà un’esperienza unica, forte ed importante. Adesso scendiamo in campo”. La location degli allenamenti sarà Levelx55, la Gaming House ufficiale del club situata in via Eugubina 111/F. Per Celestino Terniqi sarà la prima stagione da gemer del Perugia dopo la vittoria dell’eSports King Tour nella scorsa stagione: “Un’emozione unica, non me lo sarei mai aspettato. Le cose che capitano all’improvviso sono le più belle. Voglio dare il meglio per il team e per la città che rappresento“. Elia Rugini è invece una vecchia conoscenza ed ha ambizioni importanti:” Vorrei riuscire a qualificarmi per un torneo internazionale per portare la maglia del Grifo ad alti livelli” Per il secondo anno consecutivo King Sport & Style sarà il Main Sponsor del team eSports e Title Sponsor dell’eSports King Tour, al via a metà ottobre. 📸 Foto @diegopeoliphotographer Vietata la riproduzione.

A post shared by AC Perugia eSports (@acperugia_esports) on

A ciò dobbiamo aggiungere le sciagurate avventure del Livorno e della neopromossa Juve Stabia. Il club campano doveva scegliere il proprio giocatore attraverso le WEL, la manifestazione le cui finali si dovrebbero tenere a Capri nel mese di Maggio. L’evento, tra polemiche e rinvii, è in programma nel mese di Ottobre a Roma ma, ancora oggi, non si hanno notizie a riguardo.

I campionati minori

Paradossalmente, sono le leghe inferiori a movimentare attivamente il panorama esportivo del calcio italiano. La Serie C eSuperCup della scorsa stagione ha tracciato il passo e la nuova Serie D Roadshow 2K20 ne sta seguendo le orme.
Formazioni quali Carrarese, Monza e Palermo sono i nuovi baluardi di tali campionati ma ben presto nuove squadre entreranno a far parte di questo schieramento.

 

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

World Esports League

World Esports League: la storia di una brutta pagina esportiva

Cinque tornei, un montepremi da un milione di euro e una finale nella suggestiva cornice …