Home / FGC / Dragon Ball FighterZ / Kazunoko vince le Dragon Ball FighterZ World Tour Finals
Dragon Ball FighterZ World Tour Finals

Kazunoko vince le Dragon Ball FighterZ World Tour Finals

Dopo aver vinto il primo e gli ultimi tre eventi Saga di stagione, per Ryota “Kazunoko” Inoue è arrivato il momento della vera consacrazione sul picchiaduro Bandai namco. Il veterano, impegnato su svariati titoli nell’arco di questa stagione, ha conquistato il primo posto nelle Dragon Ball FighterZ World Tour Finals, disputatesi a Los Angeles questo fine settimana.

Contro il giapponese si sono schierati alcuni tra i migliori rappresentanti FGC, a partire dal vincitore dell’EVO Sonic Fox (unico giocatore non nipponico insieme al connazionale HookGangGod) fino all’eclettico Dogura. Per questo motivo, la via verso la vittoria è stata tutt’altro che una passeggiata.
Nonostante il suo approdo in finale senza mai passare per il loser’s bracket, gli incontri per Kazunoko si sono rivelati progressivamente sempre più tirati. A contendersi con lui il trofeo del Drago Shenron e il 10 mila dollari di primo premio è stato Shoji “Fenritti” Sho, campione in carica di BlazBlue: Central Fiction all’EVO Japan 2018.

È stato proprio lui a infliggere a Inoue la prima sconfitta nelle Dragon Ball FighterZ World Tour Finals, imponendosi per 3-1 e forzando il reset del bracket. Lo stesso risultato si è dunque replicato nel secondo match, questa volta però in favore di Kazunoko. Destreggiandosi tra Gotenks, Gohan adulto e Yamcha, il portabandiera del Team Godsgarden ha chiuso l’ultimo e decisivo scontro nel migliore dei modi, salendo così sul gradino più alto del podio in quest’ultimo appuntamento stagionale.

Commenti

Altre info su Gian Filippo Saba

Avido giocatore di qualsiasi genere possibile. Alto 1 metro e 80, pesante quanto un ramoscello d'ulivo, è fortemente convinto che la bravura ai videogames sia direttamente collegata al proprio indice di massa corporea. Nonostante ciò pensa ugualmente di esser il Prescelto in virtù di un sogno rivelatore avuto alla tenera età di 6 anni, in cui Crash Bandicoot gli rivelò i segreti del mondo videoludico.

Controlla anche

Mortal Kombat 11

Anche Mortal Kombat 11 avrà un proprio circuito competitivo ufficiale

Pochi giorni ci separano dall’uscita ufficiale di Mortal Kombat 11 (a tal proposito, date pure …