Home / News / Viaggio al Modena Nerd

Viaggio al Modena Nerd

Quest’ultima domenica sono stato ospite al Modena Nerd che, per chi non lo sapesse, è un evento che il sito ufficiale descrive come “una due giorni di divertimento all’insegna della cultura nerd in ogni sua declinazione: fumetti, videogiochi, youtuber, concerti, cosplay, disegnatori, doppiatori, case editrici!”. Quello che mi ha spinto ad accettare l’invito a questa fiera è stato il fatto che in uno dei suoi padiglioni si sia svolto il Gamers & GamesTHE RING 2017, teatro di numerosi tornei (il cui monte premi di sponsor come Zowie e NetGear ha raggiunto i 4.000 euro) al quale hanno partecipato alcuni dei più grandi giocatori italiani.

Questa seconda edizione dell’evento ha visto, rispetto alla prima, un potenziamento delle attività torneistiche e un incremento delle postazioni che hanno raggiunto quota 70. In generale posso affermare che l’evento sia stato un successo. Lo dimostrano anche dai dati: una partecipazione complessiva di 20.000 persone e ben 11 tornei organizzati, la maggior parte dei quali ha visto la chiusura anticipata delle iscrizioni per il raggiungimento dei giocatori massimi consentiti, soprattutto quelli di Tekken 7 e Street Fighter 5.

Tanti sono stati i vincitori del weekend. Tra di essi, per esempio, HG Ghirlanda che ha dominato su Devilnin nella finale di Tekken 7, Mr. Wolf – il quale ha dato vita a un epilogo combattutissimo contro Mr.Nobody nella sfida di Street Fighter V – e ancora Reynor che, nonostante la presenza di nomi di grosso calibro nella scena italiana di StarCraft II, è riuscito a trionfare ancora una volta.

Le cose da raccontare

Il livello dei tornei è stato decisamente ottimo. I giocatori hanno dato il loro massimo e ho assistito a match emozionanti. Anche il numero di match giocatisi è stato notevole e ciò ha dato la possibilità di girare tra le altre postazioni senza perdere gran parte dello spettacolo (accanto al ring era disponibile anche un grande schermo con la replica del segnale video degli incontri live). La concomitanza di cosi tanti tornei diversi da seguire è il sogno della maggior parte dei player e, ammetto, che vedere così tanti giocatori di livello è stato bello. Tuttavia cercare di seguire Tekken, Street Fighter e Starcraft allo stesso tempo – vi assicuro – è stato veramente difficile, sopratutto senza avere davanti un tabellone da usare per stare dietro a tutto.

L’organizzazione ha dato il meglio di sé e i problemi tecnici che sono traspariti al pubblico sono stati pochi (sia per quanto riguarda lo streaming sul grande schermo sia i match in sé) e tutti prontamente risolti. Inoltre, devo ammettere che l’idea di creare un vero e proprio ring dove far giocare le finali è stata veramente divertente e d’impatto sul pubblico dei visitatori. Anche i caster che hanno seguito tutto l’evento hanno dato il loro massimo nel cercare di coinvolgere i visitatori, un compito – vi garantisco – non sempre semplice vista l’eterogeneità del pubblico. Tra l’altro, erano presenti DragonSteak e Jakidale che hanno commentato il torneo di Clash Royale, l’applicazione di SuperCell che in breve tempo si è ritagliata un importante spazio nelle competizioni su mobile.

Già programmata la terza edizione di THE RING: appuntamento a settembre 2018! E noi ci saremo.

 

Commenti

Altre info su Martino Andreozzi

Giovane, appassionato di videogame e probabilmente in lizza per il titolo di persona più sfaticata al mondo. Sogna di diventare abbastanza divertente da poter scrivere una biografia decente un giorno.

Controlla anche

AMD Pro Series

Dota2 Weekend: AMD Pro Series e Megafon Winter Clash

La settimana caratterizzata dal caso KuKu non ha fermato il circus di Dota 2, il …