Home / News / I 5 giocatori italiani più “ricchi” di sempre su Starcraft II

I 5 giocatori italiani più “ricchi” di sempre su Starcraft II

Una top 25 inaspettata per l’Italia

Dopo le recenti ottime prestazioni in ambito internazionale l’Italia ha raggiunto la top 25 tra le nazioni più ricche al mondo su Starcraft 2, superando Romania e Singapore ed attestandosi al ventiquattresimo posto assoluto subito dietro il Perù, secondo quanto riporta esportsearnings sul proprio sito web.

Un risultato incredibile a testimonianza di una buona tradizione esportiva su Starcraft per il nostro Paese, che sta lavorando quotidianamente per migliorare i propri talenti grazie a solidi investimenti da parte di associazioni sportive o privati.

Andiamo ora a scoprire la classifica dei 5 giocatori italiani più “ricchi” su Starcraft II di tutti i tempi.

Eduard “Ryu” Condori: 2,583$

Al quinto posto di questa speciale classifica ecco apparire Ryu.

Il giocatore italo-peruviano del team NextGaming è diventato un professionista solamente dal 2016, arrivando ad ottenere straordinari piazzamenti in molti tornei importanti dell’America centrale e latina arrivando addirittura a classificarsi al quarto posto nella scorsa edizione della Copa America.

Eduard “Ryu” Condori, con quest’ultimo risultato, oltre ad essersi portato a casa la cifra di 800$ ha stabilito il record italiano in competizioni WCS avendo raggiunto la posizione più alta di sempre in un evento valido per il campionato del mondo.

Il WESG America 2016 è stato sicuramente il suo torneo più redditizio nel quale, classificandosi in top 8, è riuscito a vincere il premio di circa 1,200$ uscendo penultimo da un girone molto complicato e che lo aveva visto ad un passo dalla qualificazione per le Global Finals.

Diego “Jeal” Sapienza: 3,269$

 

Al quarto posto una vecchia conoscenza dello Starcraft italiano: Diego “Jeal” Sapienza.

Il giocatore Protoss ora facente parte del team NextGaming è sicuramente uno tra i giocatori italiani più titolati e forti che il nostro paese abbia mai conosciuto.

Sempre sulla cresta dell’onda ha partecipato a numerosi eventi e tornei anche internazionali arrivando recentemente a prendere parte, insieme alla spedizione italiana dei Tes Gaming, anche al Dreamhack di Lipsia del 2016 venendo eliminato nella seconda fase a gironi da Ptitdrogo e Rail.

Il torneo che ha però consacrato Diego “Jeal” Sapienza nell’Olimpo dello Starcraft italiano è stato sicuramente il WCS Italy Qualifier del 2012 che lo ha visto assoluto protagonista in una cavalcata trionfale che lo ha portato a scontrarsi nella Grand Final contro Maurizio “StarEagle” Carioti, sconfitto per 2-1.

Nel video è possibile rivivere le emozioni degli ultimi istanti di quel match leggendario con il commento di Alessandro “Vasa” Vasarri e Tommaso “GuzzoStaiN” Guzzo per Vasacast.

Jeal è anche stato membro della nazionale italiana di Starcraft II partecipando a diverse competizioni con discreti risultati.

Ora praticamente inattivo sotto un profilo prettamente torneistico, il talento italiano è apparso per l’ultima volta nell’aprile del 2016 dove ha raggiunto il secondo posto nel Torino Comics sconfitto per 3-1 in finale da Riccardo “Reynor” Romiti.

Riccardo “Reynor” Romiti: 4,868$

Al terzo posto – ma ci auguriamo ancora solo per poco tempo – ecco a voi Riccardo “Reynor” Romiti.

Giocatore italiano classe 2002 ha iniziato a giocare sotto gli Aces of Spades prima di essere notato e definitivamente acquisito dalla formazione svizzera dei mYinsanity nel 2013, dove ha partecipato attivamente a tornei ed eventi maturando una enorme esperienza in campo internazionale, partecipando addirittura al Dreamhack di Bucharest assieme alla spedizione italiana.

All’età di 13 anni è diventato il GM più giovane del server europeo oltre ad essere il più promettente giocatore della scena italiana in prospettiva.

A partire dal 2014 il talento italiano ha iniziato ad inanellare una serie di successi e piazzamenti davvero importanti in ambito sia italiano che internazionale, arrivando secondo nel campionato italiano Personal Gamer, sconfitto solo per 3-2 in finale da Federico “Narcotic” Tognini.

Nel 2015 è riuscito a portarsi a casa la Go4Sc2 #501, la prima di quella che sarà poi una lunga serie di successi in competizioni ESL. Sempre nello stesso anno ha preso parte, grazie al supporto dei genitori e della squadra svizzera, a ben tre Dreamhack bissando la partecipazione del 2014 a Valencia, Stoccolma e Jönköping.

Nel 2016 il talento italiano è esploso in tutta la sua potenza a seguito dell’entrata nei True esports, formazione di grido italiana del panorama videoludico competitivo di Starcraft II.

Solo in quest’anno Riccardo “Reynor” Romiti è riuscito a portarsi a casa oltre 3500$ vincendo ben cinque tornei sia in ambito nazionale che internazionale e raggiungendo uno storico quarto di finale nel Dreamhack Valencia, sconfitto solo da Snute con un secco 3-0.

Nel 2017 il talento italiano, a causa della fusione tra True esports e Next Gaming, è entrato a far parte di questa nuova realtà esportiva continuando il suo percorso di allenamento nonostante la scelta della Blizzard di limitare fortemente la sua partecipazione ad eventi e tornei WCS a causa dei limiti di età.

Da gennaio ad oggi ha collezionato ben 13 sigilli arrivando ad essere il giocatore con più vittorie in competizioni minori in Europa della storia sotto i 18 anni. Miglior giocatore della nazionale italiana nel 2016 con l’allkill rifilato alla Cina durante le Nation Wars.

Attualmente è senza ombra di dubbio il più forte giocatore di Starcraft 2 italiano in attività.

Maurizio “StarEagle” Carioti: 5,885$

Giocatore professionista da tempi immemori, ecco al secondo posto Maurizio “StarEagle” Carioti.

Leggendario giocatore Terran, l’aquila reale dello Starcraft italiano, Maurizio è senza ombra di dubbio uno dei giocatori italiani più forti degli ultimi 20 anni. Il suo gioco aggressivo caratterizzato da drop e multitasking ha rappresentato il suo marchio di fabbrica nel mondo.

La carriera di StarEagle in realtà è partita da Broodwar, gioco che lo ha portato a vestire i panni di giocatore della nazionale italiana nel WCG del 2006 dove è stato eliminato ai gironi non riuscendo a superare lo sbarramento avversario.

Su Starcraft II, Maurizio “StarEagle” Carioti si è messo in mostra sin dal 2011 arrivando a vincere il torneo collaterale del Dreamhack Summer, raggiungendo il suo primo risultato internazionale di rilievo sul nuovo gioco.

Nel 2012 ha partecipato alle qualificazioni italiane del WCS uscendo sconfitto da Jeal nella Grand final per 2-1 ma ottenendo comunque la partecipazione alla finale europea.

Quest’ultima ha consacrato StarEagle alla leggenda poichè, dopo essere stato spedito nel loser bracket da Socke per 2-0, il fenomeno italiano ha dovuto affrontare in un match pazzesco lo scatenato progamer olandese Grubby in un TvP che ha letteralmente fatto impazzire il pubblico da casa nonostante una sconfitta per 2-1 che ha lasciato, ancora oggi, un sapore amaro in bocca.

Se siete arrivati fin qui, ascoltate per intero il video della terza partita commentato da Alessandro “Vasa” Vasarri con le musiche della “GuzzoStaiN“, ne vale davvero la pena e qualche lacrima potrebbe anche scendere…

Nel 2013 StarEagle ha vinto il campionato italiano Personal Gamer sconfiggendo in finale Evaner per 2-0, laureandosi campione. Sempre nello stesso anno il talento italiano ha trionfato a Lucca nel The Game Championship e a Milano portandosi a casa il Next Sc2 Tournament. Ha concluso poi il suo 2013 con un’unica esperienza internazionale non brillando nel Dreamhack di Bucharest.

Nel 2014 ha partecipato nuovamente al Dreamhack di Bucharest migliorando la propria prestazione nonostante la sconfitta contro FireCake per 2-1 nel decider match del secondo group stage che lo ha condannato all’eliminazione.

StarEagle ha vestito più volte la maglia della nazionale italiana di Starcraft II arrivando a trascinare il nostro Paese in più di una occasione in competizioni internazionali.

Oggi giocatore per gli Element Gaming, a livello torneistico sembra essere inattivo ma la speranza è di rivederlo nuovamente competitivo nel giro di qualche anno.

Carlo “ClouD” Giannacco: 13,407$

Conosciuto come uno dei più forti giocatori Protoss non coreani su Broodwar, Carlo “ClouD” Giannacco è al primo posto dei giocatori italiani più “ricchi” di sempre.

Proprio sulla prima versione di Starcraft, il talento italiano ha maturato la sua fama di top player arrivando già nel 2005 a vincere le qualificazioni italiane del WCG.

Su Starcraft II, ClouD è letteralmente esploso arrivando fin da subito nell’agosto del 2010 a competere nel primo torneo organizzato sul nuovo titolo Blizzard al Gamescon, guadagnandosi la qualificazione sul campo ma uscendo anzitempo dalla competizione principale alla prima fase a gironi.

Sempre nello stesso anno sotto la squadra dei Meet Your Makers ha ottenuto il risultato più prestigioso della sua intera carriera arrivando al secondo posto della ESL Pro Series Germany, sconfitto in finale da Socke per 2-0 e riuscendo a portarsi a casa oltre 2,000$.

Nel 2011 Carlo “ClouD” Giannacco ha compiuto un’altra impresa arrivando in ottobre a partecipare all’edizione del ESWC francese, classificandosi all’ottavo posto dopo una prestazione superlativa e arrivando a confrontarsi anche contro il progamer americano IdrA pur non riuscendo a scalfire il suo solido gioco e perdendo per 2-0 una bella serie di partite.

Nel 2012, passato alla formazione tedesca degli Alternate, ha ottenuto numerosi piazzamenti in competizioni internazionali di alto livello arrivando a vincere anche qualche piccola competizione minore.

Nel 2013 Carlo “ClouD” Giannacco ha deciso di partecipare al Vasacast Invitational mettendo in mostra probabilmente il miglior gioco degli ultimi tre anni, arrivando addirittura a classificarsi quarto assoluto cedendo le armi a Vortix nella finale per il 3/4 posto.

Nel video è possibile trovare probabilmente la miglior partita mai giocata da ClouD contro un giocatore Protoss, commentata da Alessandro “Vasa” Vasarri con le musiche della GuzzoStaiN.

Sempre nel 2013, ClouD ha chiuso ufficialmente la sua carriera da giocatore professionista di Starcraft, giocando il suo ultimo incontro ufficiale nella EIZO Cup organizzata da Vasacast contro Jeal in una finale che ha riportato indietro nel tempo spettatori ed appassionati di almeno cinque anni e che ha visto la netta vittoria del Terran per 3-0 contro uno spento Protoss.

Attualmente Carlo “Cl0uD” Giannacco è un giocatore professionista di poker sportivo e recentemente ha dichiarato di non voler ritornare a tempo pieno su Starcraft anche dopo l’uscita della versione Remastered nonostante abbia aggiunto che c’è la volontà di provare a giocare qualche torneo ogni tanto.

ClouD è semplicemente il giocatore più forte di tutti i tempi in Italia su Starcraft, il professionista per eccellenza che ha saputo unire il popolo italiano in più di una occasione ed è stato fonte di ispirazioni per molti atleti giovani che hanno iniziato a giocare a questo splendido RTS online seguendo le sue gesta.

Carlo “ClouD” Giannacco è stato infine anche giocatore della nazionale italiana regalando buone prestazioni complessive.

Siamo giunti alla fine della nostra speciale classifica, se vi è piaciuto l’articolo lasciate un “mi piace” sui nostri canali social. Se avete altri aneddoti, appunti o suggerimenti, scriveteci in privato e provvederemo a correggere 🙂

Presto tantissime novità su TGM esports, continuate a seguirci.

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

Altre info su Leonardo Vilona

Videogiocatore sin dalla tenera età, ha collaborato con molte realtà nel mondo degli eSports come amministratore e redattore, prima di approdare su The Games Machine Esports. Il suo sogno è quello di diventare giornalista. Il suo obiettivo è quello di dare un'informazione videoludica competitiva a 360°, The Games Machine Esports rappresenta per lui una grande opportunità!

Controlla anche

DreamHack Valencia – CSGO : Il vento del North soffia sull’Andalusia

Il DreamHack Valencia ha ospitato la quarta tappa del circuito Open di CSGO. Tra gli otto …