Home / Esport / Valorant 2023: In cammino verso la nuova stagione
Valorant

Valorant 2023: In cammino verso la nuova stagione

Lo scorso fine settimana, la stagione 2022 di Valorant si è conclusa con l’incoronazione dei nuovi campioni del mondo ossia i LOUD.
Il team brasiliano conquista la corona iridata dove aver sconfitto gli OpTic Gaming nella finale di Istanbul.

Archiviato tutto ciò, per la scena competitiva del titolo Riot Games è tempo di prendere in esame il futuro che verrà.
Una struttura, quella del campionato 2023 dove, nei mesi passati, erano già stati indicati alcuni elementi ma, nella giornata di ieri, hanno trovato una prima definizione.
L’organizer, attraverso vari comunicati, ha reso noto l’arrivo del Membership Program, il sistema di franchising presente anche in quel di League of Legends.
Americas
, EMEA e APAC saranno le regioni interessate con dieci formazioni presenti in ognuno dei vari campionati.
Tre lineup in cui balzano all’occhio delle assenze illustri o l’approdo di alcune realtà sconosciute ai più.

Esclusi e arrivi

Il primo esempio si riferisce, in primis, ai G2 Esports, i samurai non saranno sulla griglia di partenza dl campionato europeo e americano.
La ragione è da ricercare dalle azioni del loro CEO, Carlos “Ocelote” Rodríguez Santiago e alla bufera creata dopo la diffusione di un video in cui era presente la figura controversa di Andrew Tate.
Altra esclusione eccellente è quella dei FunPlus Phoenix, una vittoria ai Masters 2022 e un quarto posto mondiale non sono bastati per essere del lotto dei partecipanti.

Dimostrazioni del secondo caso sono invece da ricercare nei KOI in EMEA e dal duo Global Esports/Rex Regum Queon in APAC.
L’organizzazione spagnola, creata dalla collaborazione tra Ibai e Gerard Pique, è diventata una delle realtà più influenti all’interno del League of Legends nazionale.
Esempio è la presentazione del team per il campionato spagnolo avvenuta durante l’amichevole contro i Karmine Corp dinanzi a 10.000 spettatori in quel di Barcellona.
Per le due asiatiche, invece, l’ingresso del gotha di Valorant è avvenuto attraverso la loro presenza in territori importanti come India e Filippine.
 Elemento importante che ha permesso loro di entrare a far parte del campionato a scapito di roster blasonati come Damwon Kia o DetoNatioN Focus Me.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Iron Leg

The Iron Leg 5: Punti per la Top 16

Nuovo appuntamento per il The Iron Leg 2022 la rassegna di tornei di Tekken facenti …