Home / Esport / Le Mans Virtual 2022: Il ritorno della 24 Ore
Le Mans Virtual

Le Mans Virtual 2022: Il ritorno della 24 Ore

Dopo l’esperimento del debutto nell’edizione del 2020, la Le Mans Virtual torna in scena con il suo secondo capitolo.
La versione videoludica della popolare gara endurance sull’iconico circuito francese ritorna con il suo carico di piloti e simracer d’alto rango.
Le Le Mans Prototype (LMP) e le Gran Turismo Endurance (GTE) sono le due categorie presenti anche in questo nuovo arco.
Per il primo tipo un nuovo veicolo a disposizione dei team ossia la Oreca 07 mentre più varia è la selezione della seconda categoria.
Aston Martin Vantage GTE, BMW M8 GTE, Corvette C8.R, Ferrari 488 GTE e Porsche 911 RSR GTE sono le scelte previste.
Competizione che ha visto sulla griglia di partenza piloti del calibro di Max Verstappen (campione del mondo F1 2021) e sim racer come Joshua Rogers (vincitore Virtual LeMans 2020).

Le prime dodici ore della competizione hanno registrato un duplice registro su cui hanno camminato le due categoria.
All’interno delle LMP, dominio delle Realteam Hydrogen Redline, che conquistano la leadership anche a causa dell’incidente che ha coinvolto Verstappen.
L’olandese, alle prime ombre serali, si è schiantato alla Chicane Ford con danni che ne hanno sancito il ritiro.
Nelle GTE, invece la contesa per la vittoria è un discorso a quattro voci con i vari team RedLine e la Ferrari Driver Academy Esports 488 a battagliare per il primato.

Seconda parte

Le ultime dodici ore delle Le Mans Virtual 2022 si riassumono in un monologo assoluto da parte dei team RedLine.
Sia la categoria LMP che GTE sono di marca olandese dove la prima viene conquistata dal team Hydrogen guidato dal pilota di Formula 2, Felipe Drugovich.
Un vantaggio di oltre un minuto sul Rebellion GPX Esports, guidato da Louis Deletraz ed Augustin Canapino.
Nella seconda categoria invece, vittoria conquistata dal team BMW che approfitta anche delle noie meccaniche del team Porsche.
La sezione della casa motoristica di Stoccarda ha dovuto alzare bandiera dopo l’incidente accaduto a Tommy Østgaard alle prime luci della giornata odierna.

 

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Rumble

MSI 2022: Rumble in Busan

Le MSI 2022 continuano il loro percorso con la chiusura del secondo step, rappresentato dal …