Home / Sport / PES / eFootball PES 2021 / eFootball Pro 2020/2021: Due italiane ai nastri di partenza
eFootball

eFootball Pro 2020/2021: Due italiane ai nastri di partenza

La eFootball Pro sta per tornare con la nuova edizione che prenderà il via prossimo 12 Dicembre che vedrà scontrarsi dieci club calcistici.
Il più importante campionato dedicato al titolo Konami ritorna in pista dopo il periodo di ferma dovuta all’emerga coronavirus.
Rassegna che, lo scorso anno, ha visto la partecipazione della Juventus con il trittico formato da Ettore “Ettorito” Giannuzzi, Renzo “LoScandalo” Lodeserto e Luca “IlDistruttore” Tubelli.
Il sodalizio bianconero sarà allo start di questa nuova edizione anche se ancora non ha annunciato il proprio terzetto.
Juventus che non sarà la sola italiana ad essere partecipe a questo nuovo atto, infatti ci sarà una seconda rappresentante del tricolore ai nastri di partenza.

Come annunciato ufficialmente dallo stesso sito della competizione, la Roma sarà una delle nuove entrate del campionato.
La compagine romana entra nel competitivo del titolo nipponico dopo l’accordo d’esclusività siglato l’estate appena trascorsa.

Non si conosce, al momento, il terzetto giallorosso che prenderà parte a tale rassegna ma molti rumor conducono verso il ritorno di un figliol prodigo.
Si tratta di Emiliano ‘S-Venom‘ Spinelli, il quale ha disputato la eFootball Pro dello scorso anno con la maglia dell’Arsenal.

Oltre a Roma e Juventus,il comunicato conferma il rinnovo della partecipazione di Arsenal, Barcellona, Celtic, Schalke04 e Monaco.
All’appello delle lista delle partecipanti mancano altre tre formazioni che saranno annunciate nei prossimi giorni.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Rage

RAGE GBVS Winter 2020: Spazio alla nicchia dei picchiaduro

Il movimento competitivo dedicato ai picchiaduro ha vissuto un 2020 tra la stasi e lenti …