Home / RTS / Age of Empires / AoE King of Desert 3: Le dune parlano Europa
King

AoE King of Desert 3: Le dune parlano Europa

Continua il tour dei tornei Major targati Age of Empires dopo lo start avuto con il Red Bull Wololo.
Il King of Desert 3 rappresenta la chiusura del periodo delle  AoElympics, una serie di tornei organizzati dalla community con team nazionali.
Una rassegna che ha visto trionfare il Brasile, il quale porta a casa ventidue medaglie di cui dodici d’oro.
Un medagliere che vede la presenza dell’Italia con otto medaglie guadagnate di cui una d’oro, ottenuta da  Simone “Kamigawa” Canel nel Land Nomad 1v1

Un terza edizione del King of Desert dove, come visto anche al Wololo, vede una supremazia dei giocatori del vecchio continente.
Dimostrazione di ciò è stato l’ultimo atto in cui a sfidarsi per il titolo son stati l’austriaco Liereyyy e il norvegese MbL.
Una sfida sulle dune della mappa Arabia in cui l’andazzo della contesa è stata mostrata sin dai primi set.

Un 3-0 iniziale da parte dell’austriaco in cui le sue scelte (Birmani/Giapponesi/Maliani) sono state ottimali rispetto a quelle dell’avversario.
Una fase centrale in cui MbL riesce inizialmente a ridurre le distanze ma trovando la reazione di Liereyyy che si porta sul match point-
In tal contesto, il rappresentante degli Aftermath riesce a portarsi sul 5-3, una reazione tardiva visto il nono set.
Le truppe saracene di Liereyyy in ventotto minuti riescono a conquistare il territorio cinese dell’avversario.
Un 6-3 che porta l’austriaco, al debutto con la casacca dei Tempo Storm, di conquistare il secondo Major consecutivo.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Rage

RAGE GBVS Winter 2020: Spazio alla nicchia dei picchiaduro

Il movimento competitivo dedicato ai picchiaduro ha vissuto un 2020 tra la stasi e lenti …