Home / Esport / Fortnite Dreamhack September Cup: I problemi del mese
September Cup

Fortnite Dreamhack September Cup: I problemi del mese

Nuovo torneo mensile per il circuito Dreamhack di Fortnite, rassegna dedicata alle regioni d’Europa e Nord America.
Una September Cup che andrà agli archivi come la più problematica nella storia recente del titolo di Epic Games.
L’impossibilità di creare lobby per problemi al server hanno condotto ritardi e posticipi nello svolgimento del torneo.
Una situazione che ha portato la stessa Dreamhack a far terminare la contesa riservata al vecchio continente solo il giorno dopo della naturale fine delle ostilità.
Protagonisti che, con professionalità, hanno terminato la competizione seppur snervati dalla lunga attesa.

Viaggio che inizia in Europea in cui si assiste al secondo successo in questo ambito di Maciej “Teeq” Radzio.
il polacco, già vincitore nella coppa di Luglio, è il protagonista assoluto in tal contesto con una vittoria senza possibilità d’appello.
290 punti guadagnati nei vari round e un vantaggio di dodici punti sullo svedese Znappy dei Godsent.
Una top 10 di Settembre in cui non vi è presenza di uno primi dieci del Power Rakings europeo.

Nord America

Una coppa mensile iniziata con la competizione dedicata ai giocatori dell’area Ovest nordamericana.
In questa latitudine sono due outsider ad emergere nella lista dei partecipanti in tale manifestazione.
Allege e Nach hanno messo in scena una battaglia aspra dove a spuntarla è il primo con 305 punti e un vantaggio di 18 sul secondo.
A completare il podio, Arkhram dei 100 Thieves, il quale conferma la leadership all’interno del ranking regionale.

La zona Nord America Est ha sancito la chiusura della September Cup dove ritorna sugli scudi il campione del mondo Bugha.
Il vincitore delle World Cup 2019 chiude al secondo posto tale competizione con un ritardo di soli pochi punti rispetto al vincitore Marzz OW.
Un piazzamento che permette al rappresentante dei Sentinels di scalare la classifica regionale e posizionarsi al terzo posto.
Una salita impetuosa dovuta anche delle assenze o dei scarsi risultati della Top 10.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Central America

CPT Online 2020 – Central America S2: Mena comes back

L’America Latina chiude il suo ciclo di stage all’interno della Capcom Pro Tour 2020 Online …