Home / Esport / Quake Pro League Finals: Lo spettacolo fatto in casa
Quake League

Quake Pro League Finals: Lo spettacolo fatto in casa

L’emergenza coronavirus ha fermato la realizzazione di qualsiasi evento fieristico in forma terrena, lasciando il spazio a quella digitale.
Uno di questi è il Quakecom, la rassegna dedicata ai titoli della Bethesda che per quest’anno è stato rinominato Quakecon @ Home.
Tra i vari annunci delle serie più amate di tale casa produttrice, spazio anche alle competizioni con le finali della Quake Pro League.
Un lungo tragitto, iniziato lo scorso anno a Lucca, dove i migliori esponenti della scena competitiva lo hanno per giungere al titolo di campione del mondo.
Una strada percorsa anche dall’italiano Marco “VengeuR” Ragusa alla prima partecipazione al mondiale.
Una prima volta che onora egregiamente, raggiungendo la Top 8 ed sconfiggendo giocatori del calibro di RAISY e K1llesen.

Un percorso verso il titolo che trova, purtroppo, la sua fine nella doppia sconfitta contro i due finalisti di questa edizione ossia Rapha e il già citato RAISY.
La sfida tra States ed Ungheria chiude questa edizione delle Quake Pro League, contesa in cui il numero 1 del ranking dimostra il suo valore.
Una vittoria schiacciante per lo statunitense, un 4-0 secco, senza possibilità d’appello con l’ungherese a raccogliere le briciole di sette round vinti.
Una dimostrazione di forza che chiude un 2020 importante per il portacolori dei Team Liquid, sempre ai vertici del titolo Bethesda.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

NED

Progetto NED: Esports per abbattere le diversità

Gli Esports rappresentano sempre più una nuova frontiera di socializzazione da parte delle nuove generazioni. …