Home / Esport / Valorant Ignition Series Part 2: Una lunga settimana
Valorant Series

Valorant Ignition Series Part 2: Una lunga settimana

Le Valorant Ignition Series continuano con il loro precorso fatto di stage tra le varie regioni della sua scena competitiva.
Una Parte 2 terminata solo il 2 Luglio con la conclusione del torneo dedicato all’area sudamericana.
Tale sessione è stata particolarmente ricca dove, alla già citata Sud America, altre due regioni hanno preso il via.
Il piatto forte di questa tornata è stato il torneo dedicato ai team nordamericani organizzato dai T1 e Nerd Street Gaming.
Competizioni in cui, a prendervi parte, vi era il celebre steamer Travis “Ninja” Blevins con il suo team.
Una partecipazione non particolarmente esaltante per lui che chiude all’ultimo posto nel girone C, vinto dai padroni di casa dei T1.

Series nordamericana che trova il suo epilogo nella finale disputata tra i TSM e gli stessi T1, i quali approdano a tale fase dopo la vittoria della Loser Bracket contro gli Immortals col punteggio di 13-10 su Split.
Iltimo atto che si trasforma in un monologo realizzato dai TSM che liquidano agilmente tale pratica,
Con un mappa di vantaggio, Subroza e soci dominano la contesa con le affermazioni su Haven e Ascent.
Un 3-0 secco senza possibilità drappello con cui i bianconeri conquistano i 25.000$ di primo premio.

Rinasco per la vittoria

Le Valorant Ignition Series, in questa occasione, presentano ai nastri di partenza anche le formazioni sudamericane e dell’area MEA.
Il GGTech invitational ha visto la partecipazione di sedici formazioni latino americane suddivise in due gironi da otto.
In entrambi i casi, l’affermazione è andata in favore dei Rebirth Esports, sia con il suo team principale che con quello satellite ossia gli Estral.
Nel lato Sud, Fiend e compagni battono all’ultimo atto gli Undead Gaming con un 3-0 senza storie-
Dall’altra parte, il quintetto guidato da Blue, batte i messicani Timber Esports in un match equilibrato rivolto solo al quinto set su Spirit col punteggio di 13-7.

Divina vendetta

Il viaggio in questa sessione delle Valorant Ignition Series si conclude con il Empire Play Invitational.
Otto formazioni dell’area MEA si sono sfidate in questa prima volta dedicata ai roster di quell’area geografica.
In questo contesto si assiste al trionfo assoluto dei Divine Vendetta, team formato da giocatori con doppio passaporto.
M4CHINA e compagnia strapazzano gli avversari dominando tutte le fasi del torneo, non subendo alcuna sconfitta di set.
Dimostrazione di ciò è la vittoria per 3-0 sui Viboras con cui i Vendetto ottengono il primo sigillo continentale.

 

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Winter Masters

SC2 DH Masters Winter 2020 Week 1: I primi nomi

Il circuito Dreamhack di Starcraft 2 ritorna in scena con il terzo stage del 2020 …