Home / Esport / Rainbow Six Pro League Season 11: Niente finali ma campionati
Pro League Season 11

Rainbow Six Pro League Season 11: Niente finali ma campionati

Tra i tanti titoli presenti sul palcoscenico esportivo, Rainbow Six: Siege  è stato uno di quelli che ha subito una maggiore contraddizione
Le Pro League Season 11 rappresentavano una delle tappe più importanti per il competitivo del titolo Ubisoft il cui culmine era rappresentato dalle finali di Sao Paulo.
L’emergenza coronavirus ha cancellato tale evento ma la competizione è rimasta in auge dove è stata sostituita con i vari campionati
Tre tornei regionali (Europa-Nord e Sud America) più quattro campionati nazionali serviti ad incoronare i vari  campioni locali e contentali
Occhio di riguardo è sul raggruppamento europeo dove la lotta alla leadership si era chiusa alla penultima giornata.
I Rogue concludono con la conquista del titolo europeo una buona stagione con un record di 8-4-2 e una distanza di sei punti sui rinati G2.

Delusione per i team dell’area CIS ed, in particolar modo, per i Natus Vincere, i campioni della Season 10 chiudono soltanto al quarto posto.

Sfida all’ultimo round per il titolo nordamericano tra i campioni del mondo degli SpaceNation Gaming e i TSM.
Una contesa tra le due formazioni risulta all’ultima settimana con i bianconeri in testa con due di vantaggio sugli Space.
La sfida su Theme Park è stata combattuta sino all’ultimo round con RAMPY e compagni che riescono con il sorpasso all’ultima curva.
Un 7-5 finale che permette ai SpaceNation di continuare con la serie di vittorie iniziata con il mondiale di Montreal.

Sud America e APAC

America Latina e Asia Pacifico sono le restante regioni che completano il quadro di queste Pro League Season 11.
Nella prima, continua il dominio dei Team Liquid che, in una sorta di campionato brasiliano, conquistano il primo alloro continentale.
Paluh e compagni ottengono tale sigillo mettendo tre punti di vantaggio sui Ninjas in Pijamas dove sono state decisive le ultime due giornate.
Quattro punti per i cavallucci che ringraziano Singularity e Faze Clan, capaci di bloccare il tentativo di sorpasso dei Ninjas.

Dall’altro estremo del globo invece, la pandemia coronavirus ha portato alla cancellazione del campionato APAC.
Una situazione che ha costretto gli organizzatori a fermarsi alla prima fase ossia quella dei vari raggruppamenti locali.
In questo contesto, vittorie per Fnatic (Australia e New Zeland), CYCLOPE (Giappone), QConfirm (Sud Est Asiatico) e SCARZ (Corea del Sud)

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Italian Esports

Italian Esports Awards 2020: Le nomination

Il Round One, evento realizzato da IIDEA e Pro Gaming, sta per arrivare e con …