Home / Esport / Red Bull Factions 2019: il ritorno in un nuovo formato
Last Tower

Red Bull Factions 2019: il ritorno in un nuovo formato

Mancavano all’appello nelle varie competizioni nazionali ma anche stavolta le Red Bull Factions timbrano il cartellino.
L’edizione 2019 del torneo delle fazioni di Runeterra presenta una novità sostanziale riguardo al format della competizione.
Si tratta del formato del The Tower dove otto team si scontrano per poter guadagnare la possibilità di sfidare il re della torre per diventare, o rimanere, il sovrano per la settimana successiva.
Cinque invitati ( MOBA ROG-Racoon-Outplayed-Samsung Morming Stars ed Qlash Forge) e quattro qualificati (Manguste-Adriatic Wolves-YDN Devils-Zeta Team) si sfideranno per conquistare l’accesso alle finali di Milano.

Prima settimana del Red Bull Factions vede i Qlash Forge come re vista la vittoria de’ex team biancorosso della scorsa edizione ai danni degli Outplayed.
Una settimana in cui i MOBA ROG sono gli sfidanti al trono della seconda giornata vista la vittoria sui Outplayed, realizzata grazie a una prestazione magistrale dell’ADC, Guubi, autore di una pentakill.
Una sfida, quella tra i rosso turchese e i neroverdi, in cui le forze in campo di sono equiparate.
Un 1-1 il quale, per via del regolamento che premia il team sfidante alla torre, sorride ai MOBA ROG, i quali diventano i nuovi proprietari
La conquista permette al team milanese di balzare in testa alla classifica in coabitazione con i Qlash Forge.

Bull Factions

Le Red Bull Factions torneranno Giovedi 14 Novembre per la Tower 2, in diretta sul canale Twitch di Red Bull Italia.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Tekken World

Tekken World Tour Finals: Una lunga maratona

Una maratona durata otto mesi, dal MixUp di Lione al DreamHack di Atlanta, una lunga …