Home / MOBA / Dota 2 / ESL One Amburgo 2019: test in vista del Dota Pro Circuit
ESL One

ESL One Amburgo 2019: test in vista del Dota Pro Circuit

Il Dota Pro Circuit 2019/2020 sta per arrivare e molti team stanno ultimando la preparazione in vista del Summit 11, evento che sancisce l’inizio di stagione. Dopo il prologo di Rotterdam, alcuni dei team presenti in Olanda hanno fatto tappa in Germania per l’annuale edizione dell’ESL One Amburgo.
La Barclaycard Arena ospita quello è divenuto il più importante evento prestagionale del titolo Valve dove si intravedono coloro che possono essere i protagonisti della nuova annata. Un precampionato dove si segnala, ancora una volta, il ritardo di condizione dei nuovi Team Liquid.

Anche stavolta, la loro lineup formata dagli ex Alliance saluta in anticipo la competizione, con un mesto quinto posto nel girone A.
Poco meglio va invece per i Virtus.pro; gli arancioneri, dopo le delusione del The International 2019,  hanno salutato RAMZES666 e Pasha9, i quali sono stati sostituiti (in prova n.d.a) da Save- ed epileptick1d. Per loro una discreta sesta posizione, un punto di partenza per la nuova stagione.

Chi invece si trova ad un buon punto in vista dei prossimi eventi sono gli Alliance. Il nuovo team capitanato da 33 non replica le prestazioni viste in Olanda ma il terzo posto dell’ESL One rappresenta un biglietto da visita per il primo Major stagionale, il MDL Chengdu.

Russi contro filippini.

Biglietto posseduto anche dai TNC Predator e Gambit che giungono in finale portando in scena un ultimo atto inedito per il palcoscenico di Dota2. Una finale che si dimostra altamente equilibrata dove i due team, guidati da Merch da un lato e gpk dall’altro, si sono fronteggiati a viso aperto. Soltanto il quinto set è stato decisivo per le sorti del torneo: i TNC Predator chiudono la pratica in poco meno di 30 minuti.
A brillare è la stella di Armel. Gia protagonista nel terzo set, il filippino conduce al successo i suoi compagni grazie ad un Alchemist immortale da 9/0/6.

Parentesi sudest asiatica

Non solo l’ESL One Amburgo, il weekend di Dota 2 è stato contraddistinto dalla ESL Clash of Champions. Competizione riservata ad alcuni dei migliori team del Sud Est Asiatico e Oceania che si è disputata a Bangkok.
A trionfare in Thailandia è un altro team filippino ossia il Team Androit, i quali sconfiggono per 2-1 gli indonesiani BOOM Esports.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Champions Tour

Champions Tour: Il programma esport di Valorant per il 2021

Le Ignition Series e le prossime First Strike hanno fatto in modo che Valorant possa …