Home / FGC / Berlin Tekken Clash: ultima occasione europea
Berlin Tekken

Berlin Tekken Clash: ultima occasione europea

Ultima possibilità per molti player europei di guadagnare punti “puliti” per il Tekken World Tour. Il Berlin Tekken Clash ha rappresentato l’ultima spiaggia per alcuni per entrare in quei 19 che avranno accesso diretto alle finali mondiali di Bangkok.
291 i partecipanti che si sono presentati ai nastri di partenza, con una buona pattuglia italiana pronta a sfidare il resto d’Europa e non solo. Avventura agrodolce per i colori azzurri, con cinque rappresentati arrivati in Top 32 ma soltanto due in Top 16. Se per The Phantom, Bode e sopratutto Tissuemon l’avventura berlinese non è stata delle migliori,  sorrisi arrivano da Harry Potter (12°) e da Ghirlanda.

Il portacolori degli Exeed sente profumo di risveglio quando la stagione volge al termine e la conquista la terza posizione, sconfitto dal britannico Kaneandtrench. Per quest’ultimo il Berlin Tekken Clash poteva diventare occasione per entrare in quella bramata Top 19 ma, in questa occasione, ha dovuto inchinarsi al cospetto di LowHigh.
Il koreano, arrivato a Berlino per consolidare la sua posizione in classifica, non lascia alcuna possibilità al britannico. Un 3-0 senza possibilità d’appello in cui lo Shaheen dell’asiatico ha distrutto la strana coppia Yoshimitsu/Negan.
Una vittoria che permette a LowHigh di salire in seconda posizione in classifica generale.

Dominio coreano

Il fine settimana del Tekken World Tour è stato all’insegna della Corea del Sud. La vittoria di LowHigh a Berlino viene replicata da altri due connazionali ossia Ulsan e Qudans, i quali conquistano due Dojo 96+.
Il primo trionfa nella Night of Rakshasa, torneo organizzato a Seoul con la presenza di alcuni grossi nomi della scena. Nell’ultimo atto il rappresentante dei FATE riesce dapprima ad ottenere il reset match contro Chanel per 3-1 per poi sconfiggere, con Kazumi, l’Alisa avversaria per 3-2.

Il secondo invece conquista la platea del East Coast ThrowDown disputato a Stamford negli States. In finale, Qudans sconfigge l’americano Fightinggm soltanto al reset della gran final per 3-2 dopo che quest’ultimo è riuscito a resettare il tutto per 3-1.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

IESF World

IESF World Championship 2019: Nuova edizione e problemi

Questa settimana si è svolta l’undicesima edizione delle IESF World Championship, il mondiale delle varie …