Home / Sport / FIFA / Le FIFA Global Series Finals 2019 sorprendono Londra
Fifa Global Series Finals

Le FIFA Global Series Finals 2019 sorprendono Londra

Una stagione durata quasi un anno è culminata con le finali risputate alla 02 Arena di Londra. Le FIFA Global Series Finals non sono state priva di emozioni per i 32 giocatori arrivati all’ultimo step della competizione dopo i playoff di Berlino e Amburgo.
Tra i 32 in corsa per il primo premio da 250.000$ anche un pò d’Italia con i Mkers, rappresentati dall’olandese Lev Vinken. Per l’orange l’avventura londinese è finita precocemente con un settimo posto nel girone C.
Lo stesso primo turno ha regalato anche due esclusioni eccellenti come quelle di Tekkz e Chris. Fatale per il dominatore della stagione regolare è stata la sconfitta nell’ultima giornata contro il tedesco Megabit del Werder Brema. Per l’americano, vincitore della prima eChampions League, la caduta contro il brasiliano Zezinho è stata decisiva per la sua eliminazione.

L’uscita di scena del britannico ha aperto una strada spianata verso il back-to-back per il saudita Msdossary, che è giunto in finale soffrendo soltanto contro il francese Rafsou. Tutto ciò ha fatto presagire la riconferma per il rappresentante dei Rogue, ma il saudita non ha tenuto conto della sorpresa di giornata chiamata MoAuba.
Il tedesco del Werder è arrivato in finale dopo aver eliminato il vice-campione del mondo, Stefano Pinna, e aver strappato la vittoria ai rigori all’argentino Nicolas Villarba.

L’ultimo atto

La finale delle FIFA Global Series Finals è inizia nel segno dell’equilibrio. Il primo match, disputato su Xbox, si è concluso sul punteggio di 1-1 con un botta e riposta tra i due sfidanti nel giro di pochi minuti. Il riuscir a portare a casa un pareggio in trasferta per MoAuba è stato oro colato visto che, sulla sua piattaforma, la musica ha cambiato registro.
In poco meno di 25 minuti, il tedesco piazza un 2-0 che manda al tappetto il campione in carica. La reazione di Dossary è arrivata solamente con il gol della bandiera realizzato al 75°minuto, che non è servito a scongiurare l’incoronazione di MoAuba come nuovo campione del mondo.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Six Major Raleigh: dalla Russia con amore

Nel mezzo delle stagioni della Pro League, il Six Major svoltasi a Raleigh rappresenta l’inizio …