Home / Esport / Il governo di Malta verso il riconoscimento degli esport

Il governo di Malta verso il riconoscimento degli esport

Negli ultimi mesi Malta sta diventando un polo attrattivo per competizioni ed eventi videoludici. Il governo maltese sembra essersi accorto delle potenzialità che il mercato esport può offrire. Nella giornata di ieri il primo ministro Joseph Muscat ha infatti firmato il Malta’s Vision for Video Game Development and Esports. Questo protocollo d’intesa vuol dare ulteriore slancio all’industria e alla nascente scena esportiva.

«Sono un videogiocatore da oltre vent’anni» ha affermato il primo ministro nella conferenza stampa di presentazione. «L’industria videoludica potrà rappresentare l’1% del nostro prodotto interno nonché un grosso hub europeo»
Dello stesso avviso anche Silvio Schembri, sottosegretario dello stato maltese con delega alla Digital Economy, convinto della grossa importanza di scuole e centri di formazione in questo contesto.

Il protocollo contiene anche un Memorandum tra il governo di Malta ed ESL. L’interesse dell’organizer verso l’isola viene descritto dalle parole di un suo rappresentante durante la conferenza stampa: «Vediamo l’ecosistema maltese come prossimo a diventare uno dei più importanti. Stiamo valutando l’ipotesi di organizzare eventi internazionali oltre a tornei locali.»

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Challenge Cup

FIFA 21 Challenge Cup: L’inizio di una nuova stagione

La nuova stagione di FIFA 21 è iniziata ufficialmente con il primo evento preparatorio organizzato …