Home / Esport / Blizzard accusata di razzismo dall’ex dipendente Jules Murillo-Cuellar
Jules Murillo-Cuellar Caso Murillo Cuellar

Blizzard accusata di razzismo dall’ex dipendente Jules Murillo-Cuellar

Il razzismo è una delle piaghe del mondo competitivo che Blizzard sta tentando di combattere in ogni modo, applicando squalifiche e sanzioni a giocatori e team. Questa volta, però, ad essere accusata è stata la stessa casa di Irvine.
A farlo è stato Jules Murillo-Cuellar, ex componente del team Esports. Sul suo profilo Twitter, l’uomo ha denunciato l’azienda e Gemma Barreda (una delle manager all’interno della sezione Esports) per discriminazione razziale.

Nel comunicato, Murillo-Cuellar spiega che dall’aprile al dicembre 2016, mentre si occupava delle tappe dell’Hearthstone Championship Tour, è stato vittima di scherzi per via della sua origine messicana e, in particolar modo, in ambito sessuale. La situazione lo avrebbe spinto verso uno status di forte depressione e gli avrebbe causato enormi stati d’ansia.

Al momento, Blizzard non ha ancora reso noti possibili risposte e/o azioni disciplinari nei confronti delle persone coinvolte.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

VanEck

VanEck porta gli Esports alla Borsa di Milano

VanEck, società che opera nel ramo degli investimenti con sede a New York, amplia il …