Home / Esport / Drake, Jordan e Arrivabene: tra investimenti e dichiarazioni

Drake, Jordan e Arrivabene: tra investimenti e dichiarazioni

Settimana ricca di grossi eventi quella all’interno del settore investimenti negli esport. Grandi nomi sono scesi in campo per inserire nuova linfa ad un motore ben rodato e pronto per arrivare nuove vette.

Drake e i 100 ladroni

Martedì è stata la giornata dei 100Thieves con l’annuncio dell’ingresso di due stelle del firmamento musicale all’interno dell’organizzazione.
Si tratta del rapper canadese Drake e del produttore musicale Scott “Scooter” Braum, i quali hanno investito nel team di Nadeshot la restante somma dei 25 milioni richiesti per completare la prima fase d’investimento.

Drake, che già ricordiamo per la diretta record su Twitch assieme a Ninja, inizialmente collaborerà con i 100 Thieves durante il suo Scorpion Tour. Lì creerà una struttura in scala ridotta della gaming house del team.
Braum diventerà invece direttore esecutivo e si occuperà della gestione ed organizzazione del roster rossonero, formato da 36 tra coach e giocatori.

Air Jordan is here

Nella giornata di ieri la Axiomatic Gaming, controllante dei Team Liquid, ha emesso un comunicato stampa in cui ha reso noto un accordo da 26 milioni di dollari durante la terza fase d’investimenti. Il sostegno economico al team è arrivato dalla Declaration Capital e, sopratutto, dalla leggenda NBA e proprietario degli Charlotte Hornets Michael Jordan.

MJ è soltanto l’ultimo di cestisti ed ex stelle del basket che hanno investito all’interno dell’universo competitivo.
Basti pensare a Rick Fox e i suoi Echo Fox oppure, in epoca recente, Stephen Curry che investì nei TSM e Chris Bosh con il suo supporto nei Gen.G.

I nostri avversari

A margine di tutti questi annunci, Maurizio Arrivabene, team principal della Scuderia Ferrari, ha rilasciato un’intervista ad Motorsport.com riguardo il futuro della Formula 1.

Alla domanda riguardante gli esport, Arrivabene ha risposto:

I nostri avversari di oggi sono le Playstation, secondo la mia opinione. Dobbiamo concentrare la nostra attenzione sui nostri competitor visto che esistono nuove forse d’intrattenimento che cerano di colmare il gap con gli sport. Le Playstation sono i nostri avversi? La mia risposta è si. Come si fa a sconfiggerli? Offrendo qualcosa di più interessante, visto che lo scenario è mutato nel corso di questi ultimi anni.

Ricordiamo che la scuderia Ferrari è l’unico team a non partecipare alla seconda edizione delle F1 Esports Series.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Contenders Europa

Il cielo è azzurro sopra l’Overwatch Contenders Europa

Era solo questione di tempo ma alla fine l’occasione è arrivata. L’Overwatch Contenders Europa si …