Home / News / Boom, Tetris per Joseph! – Classic Tetris World Championship 2018

Boom, Tetris per Joseph! – Classic Tetris World Championship 2018

Questo fine settimana il mondo intero ha assistito all’ultima iterazione di una delle competizioni videoludiche più particolari di sempre. Non si tratta di MOBA, picchiaduro, RTS, simulatori, giochi di carte o qualsiasi altro genere tra quelli più blasonati del momento. Alla Portland Retro Gaming Expo, un folto gruppetto di intrepidi eroi ha dato il meglio di sé per avere una chance di ottenere il titolo di campione al mondo di Classic Tetris. Di fronte a un pubblico da record, i giocatori hanno dato vita a uno spettacolo senza precedenti. Il Classic Tetris World Championship 2018 è stato un torneo dove il vecchio e il nuovo si incontrano e non solo si scontrano ma, sorprendentemente, si uniscono.

Una vera e propria battaglia

La  prima cosa da sapere riguardo la competizione, giunta alla sua ottava edizione, è che non si tratta di uno spettacolo adatto ai deboli di cuore. Le sfide si svolgono su quella che da molti è definita la versione più “cattiva” del più famoso puzzle della storia.

Il Tetris sbarcato nel lontano 85 sul mitico NES della Nintendo non ha molte delle feature che nel tempo sono state aggiunte per rendere il gioco più papabile. Tra queste mancano ad esempio quei deliziosi frame extra per poter roteare un pezzo una volta raggiunto il fondo e il più generoso sistema di generazione dei pezzi. Partendo dal livello 18, i contendenti devono riuscire a fare più punti possibile prima che la situazione diventi letteralmente ingestibile. Le partite diventano così molto rapidamente una sfida contro non solo il proprio nemico, ma anche sé stessi. Una battaglia frenetica per il controllo del caos creato dallo spietato random. Esperienza, riflessi, tecnica e tanta prontezza. Questi i tratti indispensabile per riuscire a trionfare in un’impresa apparentemente impossibile.

Il campione

Grazie al continuo supporto della community, e agli sforzi degli organizzatori, il Classic Tetris World Championship 2018 ha raggiunto più persone che mai. Non solo una quantità inaudita di spettatori ha assistito allo spettacolo in streaming (circa 20 mila) che alla fiera di Portland, ma ha attratto talenti provenienti da tutto il globo.
Di conseguenza la competizione questa volta è stata serratissima. I nuovi arrivi sono stati in grado di andare ben oltre il semplice competere con i veterani. Ben due under 25 hanno raggiunto la cima dell’evento:

  • Koryan
  • ZZYZX
  • Green Tea
  • Josh
  • Harry
  • Joseph
  • Jonas
  • Svavar

A raggiungere la finale è stato proprio il più giovane giocatore presente. Il sedicenne Joseph Saelee è riuscito a compensare la sua inesperienza con una grande tecnica. Contro lui nientepopodimenoche il campione indiscusso di Classic Tetris.

Negli ultimi 8 anni, Jonas Neubauer ha vinto ben 7 volte il titolo, mancandolo una solo volta di un soffio contro Harry nel 2014. E anche quest’anno il veterano ha iniziato il torneo nel migliore dei modi, prima qualificandosi con ben 2 partite perfette (raggiungendo lo score di 999999) poi facendosi spagno fino alle finali con agilità.

In una delle più tirate e e impressionanti partite di tutto il torneo, lo sfidante è riuscito infine a battere il campione. Il ragazzo prodigio ha reclamato il trono del Classic Tetris World Championship 2018 con un ottimo 3-0 e tanta commozione, tra gli applausi sinceri della folla e del suo esperto avversario.

Commenti

Altre info su Gian Filippo Saba

Avido giocatore di qualsiasi genere possibile. Alto 1 metro e 80, pesante quanto un ramoscello d'ulivo, è fortemente convinto che la bravura ai videogames sia direttamente collegata al proprio indice di massa corporea. Nonostante ciò pensa ugualmente di esser il Prescelto in virtù di un sogno rivelatore avuto alla tenera età di 6 anni, in cui Crash Bandicoot gli rivelò i segreti del mondo videoludico.

Controlla anche

EnD Gaming

I Mkers acquisiscono il team EnD Gaming di Rainbow Six

Dopo essersi assicurati il contratto con la Armani Exchange, i Mkers continuano i loro colpi …