Home / FPS / CS:GO / L’Italia verso Kaohsung: la questione ITeSPA-Kniferound

L’Italia verso Kaohsung: la questione ITeSPA-Kniferound

La campagna della Italian e-Sports Association verso Kaohsung inizia questa mattina con le qualifiche di Tekken 7 presso il VideoGames Party di Milano.
Quarantaquattro giocatori si scontreranno per strappare il biglietto per i prossimi IESF World Championship, che si svolgeranno nella città taiwanese a partire dal 5 Novembre.

Le qualifiche del rappresentante azzurro, però, sono state precedute dalla vicenda che vede come protagonisti la stessa ITeSPA e KnifeRound, gestore del torneo di qualificazione per Counter-Strike: Global Offensive.

Il 28 Agosto, l’associazione ha annunciato attraverso il proprio sito novità riguardanti il qualifier di CS.GO. Oltre al cambiamento del format delle qualifiche per Kaohsung, è stato anche annunciato quello della gestione stessa dell’evento, passato dalle mani di Kniferound a quelle del collettivo CS:GO italia.it

Kaohsung

Inoltre, all’interno, è stata riportata la seguente affermazione:

Ricordiamo a tutti i partecipanti che l’accesso al 10th Esports World Championship non è tutt’ora garantito ma sarà eventualmente annunciato nei primi giorni di settembre.

Le dichiarazioni

Contattato telefonicamente, Alain Antoniazzi (uno dei fondatori del progetto Kniferound), ci ha fornito una sua dichiarazione riguardo l’accaduto:

Tutto ciò si può riassumere in poche righe: Kniferound chiede agli organizer garanzie sul montepremi degli eventi che vogliono realizzare. ITeSPA ha avuto 8 mesi per fornirle e ciò non ha fatto, chiedendoci di aspettare dopo il qualifier, cosa che non era negoziabile.
In data 24 Agosto abbiamo ricevuto una email che confermava la mancata presentazione, anche in ritardo, delle garanzie.
Situazione che ha portato alla sospensione dell’evento da noi gestito e alle decisioni prese da ITeSPA nel comunicato del 28 Agosto.

Poche ore dopo, è arrivata la risposta di ITeSPA attraverso le parole del presidente Paolo Blasi:

Oggi si è chiusa ufficialmente la corsa dei team italiani di CS:GO, per poter diventare Nazionale ITeSPA e partecipare al 10th Esports World Champhionship a Kaohsung in Taiwan.
C’è da dire che la partecipazione a questo evento non è stata garantita sino all’ultimo e questo ha messo difficoltà i gestori dell’evento, ossia il team Kniferound.
Non voglio entrare sulla questione tempistiche ma da parte di entrambe, restano scelte poco felici che di fatto hanno gettato i giocatori, le squadre e tutta la community di CS:GO in confusione.
Nonostante tutte le rassicurazioni del caso nonchè il giocare un torneo molto snello, il solo parlare di “possibilità” per la copertura delle spese e non di “certezza” ha gettato nel panico più totale.
Tale pratica è stata adottata anche in altre federazioni che aderiscono al circuito IeSF, ma non ha smosso tanto scalpore e polemiche come in questo caso.
Nonostante le difficoltà organizzative, questo risultato ci rammarica perché come sempre per ITeSPA ha l’occasione di inviare una rappresentativa Nazionale su uno dei titoli di lungo corso per la scena competitiva.
Quale magra consolazione resta l’augurio di un 2019 con maggiore determinazione e fermezza nell’organizzazione.

Commenti

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

armada

Armada annuncia il ritiro dalle competizioni in singolo di Smash Bros

Super Smash Bros è in fase in evoluzione. L’arrivo di Ultimate il prossimo dicembre ha reso …