Home / Esport / La disfatta delle Summer Skirmish di Fornite

La disfatta delle Summer Skirmish di Fornite

Fornite è ormai universalmetne riconosciuto come il videogioco più giocato al mondo. Nell’ultimo periodo il Battle Royale ha sbriciolato record su record, abbattendo la concorrenza. Anche ai migliori capita però di scivolare di tanto in tanto. Nel caso del titolo Epic Games in particolare, la classica buccia di banana ha un nome: Summer Skirmish Series.

Annunciato come il primo importante evento online, le Skirmish Series mettono in palio un montepremi di 8 milioni di dollari. La cifra che ha attirato le attenzioni di una massiccia mole di giocatori e i partecipanti sono stati davvero numerosi. Forse anche troppo. La mole spropositata di aspiranti campioni ha messo a dura prova i server che, sotto pressione, sono praticamente crollati. Il risultato è stato un Lag debilitante che assieme, ad altri fattori, ha decretato l’insuccesso dell’evento.

Le ragioni della disfatta

Per la prima volta Epic si è ritrovata a gestire una delle situazioni più spiacevoli da affrontare. Oltre 120 mila persone si sono connesse sul canale ufficiale e, nonostante un ottimo inizio, il morale della chat è precipitato rapidamente. Si possono riassumere le più comuni preoccupazioni dei fan presenti in 3 punti:

  1. Mancanza di news: Epic, nel comunicato ufficiale, ha dichiarato che prima dell’inizio dell’evento sarebbero state pubblicate ulteriori informazioni a riguardo a breve. Tutti i dettagli riguardo le Summer Skirmish Series sono stati messi disposizione al pubblico soltanto dieci ore prima dell’inizio. Un lasso di tempo secondo parecchi insufficiente per organizzare una strategia.
  2. Spettacolo noioso: i battle royale, si sa, non sono di natura  il più emozionante degli show. Dietro ogni uccisione e momento esaltante ci sono minuti e minuti di vuoto, dettati dalla natura stessa di un gioco incentrato sulla sopravvivenza. Per dare quella scossa in più per il team in grado di realizzare il maggior numero di uccisioni alla competizione sono stati messi in palio 6.500 dollari. Forse troppo pochi per invogliare i pro player ad attuare tattiche aggressive. A pesare sullo spettacolo sono stati anche i tanti casual player presenti  hanno annoiato il pubblico spettatore su Twitch.
  3. Lag: Probabilmente protagonista dell’intero evento, completamente falsato da continui problemi di linea. Come abbiamo accennato, l’alto numero di giocatori della prima settimana ha provocato problemi di latenza più volte durante le Summer Skirmish Series. I problemi sono stati così persistenti che hanno portato gli organizzatori a fermare tutto dopo solo quattro round dei dieci previsti.

La risposta

Davanti a una grossa mole di commenti negativi, Epic ha ammesso le proprie colpe dichiarando, attraverso un tweet, di voler correggere gli errori commessi questa prima settimana. Contemporaneamente, ha annunciato i vincitori della prima tappa nonché dei 250.000 dollari di premio di giornata

 

Commenti

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Artifact: il nuovo gioco di carte di casa Valve inaugura il suo sito ufficiale

Oggi è stato inaugurato il nuovo sito di Artifact, il GCC di casa Valve che …