Home / FPS / La stagione inaugurale della Overwatch League quasi al capolinea

La stagione inaugurale della Overwatch League quasi al capolinea

Photo: Robert Paul for Blizzard Entertainment

La stagione inaugurale della Overwatch League si racchiude tra due estremi. I New York Excelsior, qualificati con un abbondante mese di anticipo alla fase playoff, e il record di 40 sconfitte su 40 tristemente centrato dagli Shangai Dragons. Nel mezzo c’è tutto quel turbinio di gioia, sollievo e delusione che ben caratterizza tutti gli appuntamenti più importanti.

Con in match tra Boston Uprising e Florida Mayhem si è conclusa questa notte la stagione regolare 2018. In ballo, ora, sono rimasti due titoli: quello da campioni dello stage 4 e quello da re dell’intera Lega. Se questo non vi sembra già abbastanza per prepararvi alla veglia notturna di stanotte e a quelle, fatidiche, del prossimo mese, vediamo di ricapitolare le avventure che hanno portato una delle “sopravvissute” ai playoff.

Stage 4: 1,95 metri dai playoff

Osservatorio di Gibilterra, quarta e ultima mappa del match tra London Spitfire e Philadelphia Fusion. A questi ultimi, già 3-0, manca un altro set per qualificarsi ai playoff dello stage. Primi nella fase d’attacco, spingono il payload più che possono oltre l’ultima curva, poi qualcosa a storto. Non bastano la Self Destruction di Hotba, né le ultimate dei suoi compagni. Il carico si ferma lì, con la parte anteriore sopra il centro della pedana, esattamente a 1,95 metri di distanza  dal traguardo.
Blizzard Arena, camerino dei Fuel. «Sado! Sado! Sado!», «Get in!», «Don’t C9!». Gli sguardi tesi e le mani sul viso dei giocatori di Dallas lasciano spazio alla pura gioia quando, sullo schermo, appare la scritta “London Spitfire Wins!”. La loro sorte è appesa proprio a quel filo mosso dagli europei: con solo una sconfitta in più, Philly finirebbe alle loro spalle nella classifica dello stage, permettendo a loro di raggiungere il 4° posto e i playoff.

Il set si conclude 11 minuti dopo con il payload, questa volta in carico agli Spitfire, che raggiunge con successo il capolinea dopo un intenso teamfight sul filo dell’overtime. A qualificarsi per la corsa all’ultimo Title Match della stagione è la squadra di Dallas.
Dopo un campionato quasi disastroso – che, infatti, li vede terzultimi nella League Leaderboard con un deludente 12-28 – HarryHook e compagni sono riusciti finalmente a dimostrarsi all’altezza delle grandi aspettative che avevano accompagnato gli allora EnVyUs sin dall’annuncio del loro rebrand.

L’ultimo atto dello stage 4, prima dei playoff della stagione inaugurale della Overwatch League, andrà in onda alle 20:00 di questa sera. Insieme ai Fuel ci saranno Valiant, Gladiators ed Excelsior.

I primi avranno il difficile compito di fermare quel treno incorsa che è, ormai, il team newyorchese, con la speranza che questi rallenti quanto basta per conservare il carburante necessario allo sprint finale. Le altre due concorrenti, invece, si ritroveranno ancora una volta a mettere in scena il derby di Los Angeles, proprio davanti al pubblico di casa. Se le previsioni danno i verdeoro per favoriti, le prestazioni dei viola in quest’ultima fase di campionato non devono essere affatto prese sotto gamba.
In palio, come sempre, 125 mila dollari, da dividere tra prima e seconda classificata. Non proprio briciole da buttare al vento.

Playoff: gli occhi al trono di New York

Ci sono due grandi deluse che, in queste ore, stanno facendo i conti con un’occasione sfumata. Seoul Dynasty e Houston Outlaws hanno avuto entrambe un percorso altalenante in questi mesi, che è valso loro un totale di 22 vittorie su 40 match disputati. Solamente 2 in meno rispetto ai Fusion, quanto basta a lasciarli con l’amaro in bocca per essere arrivati così vicini e così lontani allo stesso tempo dalla fase successiva.

Intanto, il trono della stagione inaugurale della Overwatch League sta già aspettando i propri re al Barclays Center di Brooklyn.
Nonostante le 5 sfidanti siano arrivate a tale traguardo con tutti i meriti, non è in dubbio che i padroni di casa venderanno cara la pelle. I loro record e le loro prestazioni la dicono lunga su quanto siano pronti ad alzare quel trofeo al cielo. Ma se New York sembra quasi destinata a vedere i propri beniamini sul gradino più alto del podio, non bisogna mai dare niente per scontato nell’esport, specie quando si tratta dell’FPS Blizzard.

Boston, Londra, Philadelphia e Los Angeles sono più che pronte.

L’ultima sfida dell’anno comincerà l’11 luglio e terminerà il 21. Tutti i match, come al solito, saranno trasmessi in diretta sul sito ufficiale della competizione. Fossimo in voi, staremmo già preparando le scorte di caffè ed energy drink.

Commenti

Altre info su Erica Mura

Dopo aver terminato i suoi studi in giornalismo continua a stare ore a giocare al PC, ma con meno sensi di colpa. Adora i videogame perché ama immergersi nelle atmosfere magiche di qualsiasi mondo fantasy - da Lordran a Runeterra, da Atreia alla Sardegna. Dal cibo, sua altra grande passione, ha portato all'interno delle sue esperienze videoludiche la predilezione per il sale.

Controlla anche

Berlin Tekken Clash 2018

Super Akouma vince il Berlin Tekken Clash 2018

Si è appena concluso l’ultimo importante evento europeo del Tekken World Tour. Giocatori provenienti da …