Home / Sport / GT Sport / Un italiano il pilota più veloce d’Europa: Giorgio Mangano vince la Nations Cup di GT Sport

Un italiano il pilota più veloce d’Europa: Giorgio Mangano vince la Nations Cup di GT Sport

Questo fine settimana si è tenuto, in concomitanza con la 24 ore del Nürburgring, il primo evento del Gran Turismo World Tour. Le fase conclusiva della Nations Cup ha visto scendere in pista solo i migliori piloti europei. Tra questi 10 partecipanti alle ultime decisive sfide c’era il nostro connazionale Giorgio Mangano, che ha portato alta la bandiera italiana facendosi notare sin dalle fasi di pratica.

Dimostrare di esser il miglior pilota in Europa non è di certo come bere un bicchier d’acqua. Per poter portare a casa la competizione era necessario dimostrare le proprie abilità su ben 4 circuiti: il Nürburgring GP, Interlagos, Monza e Lago Maggiore.
A mettere un po’ di pepe sulle gare anche un consumo gomme quadruplicato e quello di benzina addirittura decuplicato. Questo ha portato i piloti a dover sviluppare una propria strategia riguardo se e quando rientrare nei Box.

Una sfida accesa

Nella prima gara, è stata proprio il Pit Stop a creare problemi al nostro Mangano. Al terzo giro dei 6 previsti l’italiano ha infatti oltrepassato la linea bianca durante l’ingresso nelle scuderie, subendo una penalità che gli ha condizionato la gara in maniera tale da farlo arrivare ultimo. A conquistare la prima posizione è stato il francese Duval.

La sfortuna  della per il nostro connazionale non è finita comunque qui. Dopo aver iniziato la gara sulla pista di Interlagos in maniera eccellente e aver raggiunto in un solo giro la terza posizione, l’italiano si è visto sottrarre tutto il progresso fatto in un battibaleno.
Per via di un errore con la griglia di partenza, i giudici hanno infatti deciso che si sarebbe dovuto ripetere la gara sin dall’inizio. Anche se il rettilineo iniziale ha favorito ancora una volta Giorgio Mangano, questi non è riuscito a concludere la gara tra le prime posizioni.
A vincere la corsa, questa volta, è stato l’ungherese Blaszan, che ha agguantato il primo posto con la sua Alpine A110 senza mai fare Pit Stop.

Nella terza gara le cose, invece, hanno iniziato a girare anche per l’italiano. Anche grazie a delle distrazioni degli altri piloti in gara, il giocatore è riuscito a imporsi sugli avversari, guadagnando la prima posizione.

L’ultima gara del torneo ha visto Mangano in vantaggio per quasi tutta la sua durata. Nei 20 giri dell’ultima decisiva corsa l’adrenalina è salita alle stelle.
A decidere tutto è stato il contatto tra Duval e Blazan al settimo giro, che ha permesso al nostro connazionale di ottenere importanti punti in classifica generale.
Con la sua Subaru WRX Mangano arriva primo ancora una volta, davanti a un Kaisla dai nervi tutt’altro che saldi.

La penalità di 3 secondi sul finlandese è stata il motivo per cui la cerimonia di premiazione ha dovuto aspettare un poco. Dopo aver fatto tutti i conti, i giudici sono stati però in grado di decretare il vincitore. Di fronte al CEO di Polyphony Digital e producer di Gran Turismo, Kazunori Yamauchi, l’italiano Giorgio Mangano è stato meritatamente incoronato miglior pilota europeo della Nations Cup.
Il pilota di simracing si è unito dunque ai festeggiamenti del connazionale Matteo Paolini, salito sul terzo gradino del podio nel Campionato Costruttori.

Commenti

Altre info su Gian Filippo Saba

Avido giocatore di qualsiasi genere possibile. Alto 1 metro e 80, pesante quanto un ramoscello d'ulivo, è fortemente convinto che la bravura ai videogames sia direttamente collegata al proprio indice di massa corporea. Nonostante ciò pensa ugualmente di esser il Prescelto in virtù di un sogno rivelatore avuto alla tenera età di 6 anni, in cui Crash Bandicoot gli rivelò i segreti del mondo videoludico.

Controlla anche

Finale dell’MSI 2018 – I Royal Never Give Up campioni del mondo!

Oggi si è concluso il Mid Season Invitational di League of Legends con la sfida …