Home / Esport / La Federazione Italiana Taekwondo (FITA) riconosce gli esport

La Federazione Italiana Taekwondo (FITA) riconosce gli esport

La Federazione Italiana Taekwondo (FITA) ha aperto ufficialmente le sue porte agli esport. Ancor prima del CONI e sulla scia dell’interesse nutrito dal CIO, il suo consiglio federale ha formalmente avviato il percorso per diventare la nuova “casa” dei videogiochi di combattimento.

Una decisione di grande importanza che potrebbe dare la spinta decisiva a tutta la nostra community dei picchiaduro. Da anni impegnata nelle competizioni internazionali con successo, ha brillato con particolare intensità durante tutto il 2017. Lo stato di forma dei nostri giocatori sembra promettere altrettanti successi nel 2018, a partire dalla incredibile Top 32 di Exeed | Ghirlanda all’ultimo EVO Japan. Per questo motivo, l’appoggio della federazione potrebbe rivelarsi cruciale per la crescita (soprattutto in termini di sponsor) di un settore in costante fermento come quello dei fighting game italiani.

Sostenere e promuovere

Il presidente della FITA Angelo Cito ha commentato così la decisione sulle pagine della Gazzetta dello sport:

«La FITA ha deciso di intraprendere il percorso di apertura nei confronti degli esport proponendosi come la casa degli esport da combattimento. Una bella sfida da affrontare dopo che il CIO li ha riconosciuti disciplina sportiva. La FITA cercherà di incanalare nel modo giusto un fenomeno che riguarda milioni di giovani facendolo naturalmente secondo quelle che saranno le direttive del CIO e del CONI. Tutto questo lo considero uno straordinario strumento di promozione per il Taekwondo che per sua stessa natura rappresentando lo sport da combattimento più praticato al mondo è quasi direi naturale confrontarsi con questa nuova realtà!»

Commenti

Altre info su Erica Mura

Dopo aver terminato i suoi studi in giornalismo continua a stare ore a giocare al PC, ma con meno sensi di colpa. Adora i videogame perché ama immergersi nelle atmosfere magiche di qualsiasi mondo fantasy - da Lordran a Runeterra, da Atreia alla Sardegna. Dal cibo, sua altra grande passione, ha portato all'interno delle sue esperienze videoludiche la predilezione per il sale.

Controlla anche

LEC 2019

LEC 2019: ecco i team della nuova stagione europea di LoL

Il Rostermania è appena iniziata e in casa Riot Games si inizia a fare sul …