Home / Picchiaduro / Guilty Gear Xrd Rev 2 / Un ultimo giorno delle EVO Japan 2018 da incorniciare

Un ultimo giorno delle EVO Japan 2018 da incorniciare

Con il calare del sole non è stato solo il fine settimana a volgere al termine a Tokyo. L’ultimo giorno delle EVO Japan 2018 si è concluso e possiamo dire, senza ombra di dubbio, che questo interessante esperimento delle Evolution Series si possa considerare un successo. A causa del fuso orario i numeri degli spettatori contemporanei sulle piattaforme come Twitch sono di sicuro stati inferiori rispetto a quelli degli eventi statunitensi. La partecipazione, tuttavia, è arrivata alle stelle. Giocatori di tutto il mondo sono andati a sfidare in casa i migliori combattenti della patria del picchiaduro. Il numero di iscritti è stato simile a quello delle EVO dell’anno appena passato, anche grazie allo strepitoso calore dimostrato dai giapponesi per i titoli 2D.

Non è una grossa sorpresa dunque che gli incontri di questa domenica siano stati tutti di alto livello. È difficile rendere giustizia allo spettacolo che quest’ultimo giorno delle EVO Japan 2018 ha offerto, per questo suggerirei a tutti fan del genere, o agli aspiranti futuri campioni, di dare un’occhiata alle finali seguendo questo link.

Il re coreano di Street Fighter V

Poter dare il giusto peso alle performance degli oltre 2700 iscritti al torneo dell’ultimo capitolo della saga Capcom è ovviamente impossibile. A meritare almeno una citazione però sono senza dubbio gli 8 finalisti:

  • GRPT|INFILTRATION (Juri, Menat)
  • JohnTakeuchi (Rashid)
  • Hx.CYG.BST|Daigo Umehara (Guile)
  • FOX|Tokido (Akuma)
  • Humanbomb (Chun-Li)
  • GRPT|MOV (Chun-Li)
  • stormKUBO (Abigail)
  • DNG|Itabashi Zangief (Abigail, Zangief)

Tutti i contendenti al titolo hanno dimostrato abilità molto al di fuori dal comune. La performance di Daigo, la leggendaria Bestia di Street Fighter, è stata stellare. Incurante del trascorrere del tempo, il giapponese sembra esser tornato a uno stato di forma incredibile. Come suo solito, il suo stile di gioco particolare e il suo impressionante sangue freddo nei momenti di maggiore difficoltà sono state le sue carte vincenti. Dopo aver risalito il losers bracket e mostrato non poche prodezze, Daigo ha dovuto arrendersi nella finale perdenti alla Menat di Infiltration. Il coreano è poi andato a cercare, e trovare, la rivincita contro lo strepitoso Rashid di JohnTakeuchi, che ha costretto il veterano alle corde. La vittoria per Infiltration è arrivata grazie alle scelta di puntare su Juri, che gli ha permesso di rifilare all’avversario ben due 3-1 e riscattare il titolo di campione.

Un ritorno di fiamma su Tekken 7

Questo torneo di Tekken è stato senz’altro particolare. Abbiamo avuto la possibilità di fare il tifo per un nostro connazionale al primo evento EVO nipponico e la nostra stella non ha deluso. Ghirlanda, con la maglia del team Exeed, è riuscito a raggiungere la top 32 in un torneo da oltre 1200 partecipanti. Per mettere le cose in prospettiva, il nostro giocatore è riuscito a sfiorare i risultati di campioni come JDCR, rimanendo l’ultimo europeo in gara.

A premiare i primi 3 classificati è stata la capacità di adattarsi e utilizzare vari personaggi. Tra tutti, ha impressionato senza ombra di dubbio Chanel, che ha dimostrato di saper usare un roster di 4 lottatori a livello professionistico. La Grand Final ha visto Knee vendicarsi del pessimo risultato alle finali Tekken World Tour, regalando grandi emozioni con Bryan e vincere in rimonta con Steve.

Nella classifica finale possiamo scorgere anche SAINT, arrivato quarto, e la sorpresa del torneo LowHigh:

  • ROX|Knee (Bryan, Steve)
  • ROX|CHANEL (Alisa, Eliza, Akuma, Lucky Chloe)
  • M|GURA (Geese, Lili)
  • FOX|SAINT (Jack-7)
  • COOAS|NOROMA (Jack-7, Dragunov)
  • N.M|UlsanGoding (Kazumi)
  • Fursan|LowHigh (Shaheen, Law)
  • TAKE (Kazumi)

Lo spettacolo di Guilty Gear Xrd REV 2

Il titolo a due dimensioni con più iscritti di questo EVO Japan non ha di certo tradito le aspettative. Gli 8 finalisti hanno regalato spettacolo e gli scontri sono stati accesi. La sfida conclusiva tra Nage e Omito è stata incredibilmente accesa e tirata, tanto che un solo set non è bastato a decidere il vincitore. Dopo aver dato prova di sé nel Losers Bracket, il devastante Johnny di Omito è andato vicino a portare a casa la vittoria. Dopo aver resettato il bracket con un 3-2, è stata una serie tiratissima a donare al Faust di NAGE la vittoria, in una sfida incerta letteralmente fino all’ultimo istante.

Ecco la lista dei finalisti del torneo:

  • NAGE (Faust)
  • OMITO (Johnny)
  • GGP|Kazunoko (Raven)
  • Ruki (Dizzy)
  • TLA|Machabo (Ky Kiske)
  • ERG|DC (Sin Kiske)
  • kedako (May)
  • Lox (Jam Kuradoberi)

Un riconoscimento particolare è dovuto anche al terzo classificato Kazunoko che, ancora una volta, riesce nella incredibile impresa di raggiungere le fasi finali di più tornei durante un solo EVO. Se questa volta il giapponese è riuscito ad acchiappare “solamente” la top 32 nel torneo di Street Fighter V, il terzo posto ottenuto in questo evento di Guilty Gear potrebbe non bastare come premio per l’incredibile costanza e determinazione dimostrata dal giocatore negli ultimi anni.

Super Smash Bros. Wii U ha il suo nuovo campione

A portare a casa il titolo di primo campione EVO giappone del titolo Nintendo è stato il Messicano MKLeo. Sebbene fosse da tempo sulla cresta dell’onda e sia arrivato spesso in cima a tornei di grande spessore, questa vittoria segna un passo in avanti per il giocatore e un piccolo riscatto personale. Alle EVO del 2017 MKLeo aveva deluso un poco e aspettative dei fan, arrivando “solo” in Top 64. Il suo Cloud e il suo Marth tuttavia sono è migliorati così tanto nell’ultimo periodo da permettergli oggi di raggiungere la vetta del torneo imbattuto e sconfiggere la Bayonetta di Adabango prima nella Finale del ramo vincitori e poi in Grand Final.

Ecco la lista dei migliori giocatori dell’evento:

  • FOX.MVG|MKLeo (Cloud, Marth)
  • Abadango (Bayonetta, Mewtwo)
  • DNG|Kamame (Mega Man, Cloud, Sheik)
  • DNG|Nietono (Sheik, Diddy Kong)
  • Choco (Zero Suit Samus)
  • KEN (Sonic)
  • 2GG|komokirikiri (Roy, Cloud)
  • shky (Zero Suit Samus)

Commenti

Altre info su Gian Filippo Saba

Avido giocatore di qualsiasi genere possibile. Alto 1 metro e 80, pesante quanto un ramoscello d'ulivo, è fortemente convinto che la bravura ai videogames sia direttamente collegata al proprio indice di massa corporea. Nonostante ciò pensa ugualmente di esser il Prescelto in virtù di un sogno rivelatore avuto alla tenera età di 6 anni, in cui Crash Bandicoot gli rivelò i segreti del mondo videoludico.

Controlla anche

Ben Brode lascia la Blizzard

È di ieri sera la notizia che ha lasciato i giocatori di Hearthstone a bocca …