Home / CGC / Hearthstone: cinque carte riceveranno un nerf

Hearthstone: cinque carte riceveranno un nerf

La notizia del post sul blog di Hearthstone è dilagata velocemente: cinque carte riceveranno un nerf.

L’intervento del Team5 è ancora da essere eseguito, ma intanto sono già stati annunciati i futuri cambiamenti che avverranno alle seguenti carte.

Innervate

Innervate passa dal fornire 2 cristalli di mana a solo 1, praticamente avrà la valenza di un Coin/Counterfeit Coin. I dibattiti su questa carta erano si già accesi: c’è chi la voleva in Hall of Fame e chi invece voleva che ripristinasse 2 cristalli di mana già utilizzati, ma gli sviluppatori hanno optato per un testo più semplice e comprensibile. L’impatto sul metagame sarà sicuramente enorme, poiché Innervate è utilizzata in qualsiasi archetipo di Druid.

Fiery War Axe

L’arma più utilizzata del Warrior aumenterà di 1 il suo costo di mana, andando a uniformarsi ad altre famose armi presenti in altre classi. Il nerf a Fiery War Axe sembra che servirà a diminuire il controllo ad inizio partita per il Warrior e l’aggressività che può ottenere in un mazzo Pirate. Che sia la morte di uno dei mazzi che dominano le partite classificate da quasi un anno?

Hex

Questo è forse il nerf più inaspettato di tutti. Anche qui aumenta il costo di mana di una delle magie più significative e potenti dello Shaman, Hex si porta al livello della sua cugina lontana: la Polymorph. Molti giocatori hanno sostenuto che questo nerf sarebbe potuto essere posticipato al periodo di uscita di una futura espansione dato che adesso questa carta è raramente utilizzata, considerando che l’Evolve Shaman – il mazzo più popolare della classe – non ne utilizza neanche una copia.

Murloc Warleader

Il famoso minion capace di potenziare con la sola presenza in campo tutte le carte della tribù Murloc riceverà un nerf che gli farà perdere la sua abilità di aumentare di 1 punto la salute dei famosi pesciolini dell’universo warcraftiano. Scelta ponderata per evitare la sinergia che ha quando questa carta viene evocata attraverso l’effetto di Finja, the Flying Star che, aumentando la sua salute, gli permette di sopravvivere ad alcuni attacchi. Gli interventi potevano essere altri, come un possibile nerf al Vilefin Inquisitor dato che l’unico mazzo Murloc estremamente competitivo è quello della classe Paladin; in questa maniera il famoso “Water Package” è stato compromesso in toto, ma probabilmente era nei piani degli sviluppatori anche questo.

Spreading Plague

Anche qui il nerf è sull’aumento del costo di 1 un mana della carta. Spreading Plague era una delle altre carte di cui la community chiedeva un nerf poiché forniva una protezione, una presenza in campo incredibile e a prezzo contenuto contro mazzi Token.

In questo giro di nerf era stata considerata anche Ultimate Infestation, forse la carta più odiata/amata dalla community, ma gli sviluppatori hanno preferito non toccarla poiché, secondo le loro statistiche, era Spreading Plague la vera minaccia.

Sempre nel mirino, ha invece abilmente schivato il proiettile Ice Block, la famosa carta del Mage che fa sopravvivere ai danni letali garantendo un turno extra a chi la utilizza. Il Team5 sta considerando l’idea di farla passare alla Hall of Fame, ma non hanno intenzione di fare passaggi durante l’anno in corso e quindi di attendere il prossimo.

A questo proposito il Lead Designer Ben Brode ha chiarito alcuni punti su questi nerf: l’obiettivo sarà raggiungere un metagame dove i mazzi sono composti da una media di 10 carte del set classico e sperano di poter annunciare qualche novità all’inizio del prossimo anno per quanto riguarda l’accessibilità dei mazzi da classificata.

Commenti

Altre info su Andrea Capone

Appassionato sin da piccolo di videogiochi e giochi di carte, si ritrova ora a scrivere di videogiochi di carte! I giochi di riflessione sono la sua passione e vorrebbe crearne uno in futuro!

Controlla anche

YouTube Most Watched – Marzo 2018

Dopo l’appuntamento con le Twitch Most Watched, diamo uno sguardo anche alla classifica stilata su …