Home / FPS / CS:GO / PGL Major Cracovia 2017: i protagonisti

PGL Major Cracovia 2017: i protagonisti

Manca ormai poco al prossimo PGL Major Cracovia di CS:GO e tutti non vedono l’ora di vedere come i 16 team che prenderanno parte all’evento da 1 milione di dollari si comporteranno. Il torneo seguirà il così detto metodo svizzero, come ormai quasi tutte le competizioni di questo calibro.

Le leggende

Delle squadre che prenderanno parte all’evento, 8 sono classificate come “Leggende“. Si sono guadagnate questo titolo arrivando nel top 8 dell’ultimo Major di Atlanta.

Virtus.Pro

I Polacchi hanno molto da dimostrare considerando che il loro ultimo grosso risultato risale alla vittoria del Dreamhack di Febbraio.

Vale però la pena ricordare che furono proprio i VP che si giocarono la finale dell’ultimo Major, anche se la persero contro gli Astralis.

Astralis

Il team danese darà il tutto per tutto per cercare di mantenere il titolo e riuscire così a vincere 2 Major, obiettivo centrato per ora soltanto ai Fnatic.

Per riuscire nell’intento dovranno però sconfiggere team del calibro di FaZe e SK Gaming che sono al momento tra i grandi favoriti del torneo.

SK Gaming

Come ormai da molto tempo a questa parte, i brasiliani iniziano il torneo come grandi favoriti alla vittoria.

Il team infatti è al momento al primo posto del ranking mondiale e riuscire a vincere un secondo titolo non sarebbe altro che la ciliegina sulla torta.

Fnatic

Lo storico team svedese è notoriamente in crisi da diverso tempo, ma ad inizio anno aveva iniziato a dare piccoli segni di recupero per poi però ritornare nella parte bassa delle classifiche nell’ultimo periodo. Cracovia potrebbe però essere il punto di svolta per “flusha” ed i suoi per riguadagnarsi finalmente un posto nei migliori 5 team al mondo.

Gambit Esports

I Gambit sono sempre stati un team difficile da valutare in base ai loro successi. Hanno infatti sempre avuto periodo molto altalenanti in cui passavano dal vincere un Dreamhack al classificarsi soltanto sesti a quello successivo. Ovviamente un sesto posto ad un torneo di quel calibro è senz’altro qualcosa di cui andare fieri, ma è veramente abbastanza per poter rimanere tra i top?

North

North, il secondo team danese partecipante al torneo, è in netta ascesa. Dopo la sua creazione ad inizio anno ed il piazzamento nella top8 del Major di Atlanta, ha continuato ad avere risultati decenti, anche se non sempre fenomenali. Sarà in grado di rimanere in forma per potersi portare a casa un buon piazzamento anche questa volta soltanto se riuscirà ad uscire dalle fasi iniziali del torneo senza perdere la concentrazione.

Natus Vincere

I Na’Vi si aggiungono alla lista dei team che stanno attraversando un lungo periodo di scarsi risultati.

La squadra dell’est europa è infatti in caduta libera ormai dall’ESL One di New York dello scorso Ottobre e non ha ancora mostrato segni di ripresa.

FaZe Clan

La squadra di all-star europee è una delle contendenti alla vittoria di quest’anno. Viene da ottimi piazzamenti negli ultimi mesi e gli ultimi match disputati sono stati generalmente positivi. Sarà in grado “karrigan” di portare il proprio team alla vittoria?

 

Gli sfidanti

Oltre alle 8 “leggende”, al PGL Major Cracovia prenderanno parte altri 8 team che sono però usciti  da tornei di qualificazione. Ciò ovviamente non va a sminuire la forza di queste squadre, tra le quali troviamo nomi del calibro degli Immortals (attualmente rank 6 al mondo), G2 (rank 3), mousports e Cloud9.

Quasi ogni formazione quest’anno può puntare alla vittoria, il che darà sicuramente vita ad un torneo pieno di emozioni e colpi di scena che tutti noi non vediamo l’ora di seguire.

Commenti

Altre info su Martino Andreozzi

Giovane, appassionato di videogame e probabilmente in lizza per il titolo di persona più sfaticata al mondo. Sogna di diventare abbastanza divertente da poter scrivere una biografia decente un giorno.

Controlla anche

All-Star 2018

All-Star 2018: il meglio di League di Legends chiude la stagione 8

Con il mercato in corso e la nuova stagione alle porte, l’All-Star 2018 è stata l’occasione …