Home / MOBA / League of Legends / Incoronati nella Lega Prima i campioni italiani di League of Legends!

Incoronati nella Lega Prima i campioni italiani di League of Legends!

I Forge conquistano il primo posto nella Lega Prima di GEC, grazie alla vittoria contro gli iDomina durante la finalissima svoltasi al Romics. Un match, quello di oggi, svoltosi sul filo del rasoio e durato quanto un parto (ben 6 ore), in un’emozionante odissea che ha incoronato i campioni italiani di League of Legends.

Notevole l’impegno delle due squadre in gara, alle quali va tutto il mio affetto per aver sopportato frequenti casi di freeze in-game che hanno causato anche un remake.

Cosa è stato usato in game?

Il metagame è stato un particolare ibrido tra le partite organizzate e quelle soloQ di alto livello. Le partite sono state abbastanza caotiche, ed in genere sono state decise da uccisioni solitarie o errori di posizionamento.

Assenti dai pick contestati le scelte rischiose comuni agli eventi internazionali, come ad esempio Fizz ed Elise rispettivamente per Toplane e Jungle, Zyra e Malzahar per i Support e Leblanc, Syndra, Ryze, Ahri, Talon per la midlane, probabilmente in rispetto degli avversari e della non familiarità di alcuni giocatori con questi pick.

Presenti inoltre ban mirati a giocatori particolarmente bravi con determinati personaggi, come nel caso di Anivia ed Olaf, presenti anche nelle partite internazionali.

Un panorama promettente

I Forge si sono riconfermati il team meglio organizzato del torneo (con composizioni molto simili a quelle dell’ambiente competitivo internazionale), ma il talento dei singoli giocatori degli iDomina ha messo a dura prova le loro solide formazioni in finale. Vittoria comunque meritatissima per la squadra, che ha giocato (zoppicando) come un vero team professionista.

Deludente invece la prestazione dei CO-HOP, un gruppo di giocatori molto promettenti che non sono riusciti a brillare come avrebbero dovuto nella competizione. Anonima la prima annata degli Impact, giustificata comunque dalla poca esperienza dei giocatori che tuttavia hanno saputo dimostrare un potenziale da non sottovalutare in-game e la capacità di tenere testa a squadre molto più affermate.

Nonostante tutti i problemi (causati, a detta della stessa GEC dal client di gioco), l’organizzazione ha sicuramente fatto del suo meglio per portare avanti lo streaming dell’evento e permettere a tutti gli spettatori, presenti e da casa, di assistere alla finale di oggi.

Commenti

Altre info su Antonino Geloso

Originariamente comandante e referente presso il grande impero del Signore Galattico Freezer, nel Marzo 1990 prende parte ad una campagna militare sul Pianeta Namek dall'esito disastroso che lo costringe a ritirarsi a vita privata sul pianeta Terra, dove intraprenderà dei modesti studi umanistici con l'aspirazione di diventare insegnante. Nel tempo libero si diletta tra diversi titoli videoludici, tra cui figurano League of Legends, Pokémon, Hearthstone e Grindr.

Controlla anche

DreamHack Summer 2018

DreamHack Summer 2018 – Dall’Hearthstone grand Prix al MSB

Esattamente come nelle sue edizioni passate (l’ultima in ordine di tempo è stata quella di …