Home / Interviste / Nationals: obiettivo centrato – Intervista a Torok e Sloppy dei Mkers

Nationals: obiettivo centrato – Intervista a Torok e Sloppy dei Mkers

Una stagione regolare condotta senza una sconfitta, una semifinale dominata e una finale iniziata col freno tirato ma poi andava dritto spedito verso la vittoria.
Stiamo parlando dei Mkers, vincitori del campionato di Rainbow Six:Siege del PG Nationals Summer 2019 in quel di Roma.
Un successo e una stagione raccontata ai nostri microfoni dal capitano Matteo “Torok” Bellotti e Manuel “Sloppy” Malfer.

TGM Esports: In primis, congratulazioni per la conquista del campionato. Vi aspettavate una stagione di queste proporzioni?
Sloppy: Era uno degli obiettivi che ci siamo prefissati, vincere il Nationals era il minimo ma dominarlo era nelle nostre corde.
Ciò però ha portato a non preformare al meglio nelle competizioni che avevamo in contemporanea con il Nationals.
Torok: Era l’obiettivo minimo ma, come detto da Sloppy, giocare due partite di campionato in due giorni consecutivi ha offuscato le qualità nostre performance in altre competizioni. Spero che la prossima stagione andrà per il verso giusto.

TGM Esports: eppure c’è stato un momento in cui la streak stava per terminare…
Torok: Sì, il pareggio contro i Notorious Legion alla decima giornata. Una partita senza la giusta tensione visto che non eravamo nella formazione titolare.
Sloppy: Blurr era impossibilitato a giocare e per quella partita il suo posto è stato preso da mio padre. Chi si aspettava che sarei finito a giocare con lui?

Torok: Posso citarti anche il 7-5 contro i Qlash alla settima giornata, ma in quel caso era un rischio calcolato.

TGM Esports: Parliamo della finale contro i Notorious Legion. Siete partiti col freno a mano tirato, come mai?
Torok: Villa è la mappa del competitivo in cui la difesa va a nozze, i difensori hanno un vantaggio sia nell’impostazione iniziale che durante la fase d’attacco. Inoltre noi siamo partiti lenti visti i problemi tecnici avuti da Sloppy.
Sloppy: Ho avuto dei piccoli problemi alla postazione che mi hanno limitato la prestazione nei primi 3 round; risolti quelli siamo tornati a livelli ottimali.
Torok: Da quel momento poi non abbiamo avuto cali di tensione e Blurr e lo stesso Sloppy sono stati devastanti nelle successive mappe.

TGM Esports: Ora la vostra attenzione si concentra sull’Europa. Obiettivo Pro League?
Torok: Sì, prima però dobbiamo tornare in Challenge League nella stagione dieci. Cosa che può essere fattibile se riusciamo a migliorare le nostre prestazioni in ambito internazionale. L’esperienza del qualifer per il Raleigh Major è stata utile nel trovare gli errori da correggere ed essere al livello dei top team.

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Leask

From Zero To Hero: Parola a Leask e ai Moba ROG

Nel fine settimana appena trascorso, l’Esport Fest di Roma ha regalato la prima affermazione nei …