Home / Approfondimenti / Esports e Wrestling: l’esempio del CEO di Orlando
Esports e Wrestling

Esports e Wrestling: l’esempio del CEO di Orlando

Talvolta capita di leggere dello strano connubio tra esports e Wrestling, due mondi all’apparenza lontani ma non cosi distanti nella realtà. La spettacolarità degli evneti esportivi, che attraggono migliaia di spettatori sia live che in streaming, può essere paragonata a quella presente all’interno di grossi eventi della WWE.
Le storie raccontante dai protagonisti e le vicende narrate si avvicinano a quelle raccontate sul ring – per farvi un esempio, la storia della streak degli Astralis su Nuke non sfigura affatto accanto a quella di Undertaker a Wrestlemania.

La stessa WWE ha carpito le potenzialità del mondo videoludico competitivo. Nel 2017 è arrivato l’investimento ai Cloud 9, mentre gli atleti hanno partecipato in maniera attiva ad eventi videoludici (come, ad esempio, nel WWE ed NXT sulla Landa di League of Legends).
L’unione tra Esports e Wrestling trova però la sua sublimazione all’interno di uno dei più grandi eventi del panorama dei picchiaduro: il CEO.

Dal ring al pad e viceversa

Nato nel 2009 da un’idea di Alex Jebailey, il Community Effort Orlando rappresenta l’unione di due passioni: quella per i picchiaduro e quella per il wrestling.
L’introduzione del ring nel 2012 fu il primo passo verso il vero e proprio sodalizio, ma la scintilla che portò il CEO ad essere un faro all’interno dei due mondi fu l’incontro tra Jebailey e Kenny Omega.

Esports e Wrestling
Alex Jebailey e Kenny Omega introducono Smug nella Royal Rumble Street Fighter V del 2017

 

Il wrestler canadese non ha mai nascosto la sua passione per Street Fighter, come dimostrano lo storico showmatch contro Xavier Woods del 2016 e la sua partecipazione ufficiale al torneo nel 2017.

Un incontro, quello tra Alex e Kenny, che ha portato a centrare l’obiettivo principale voluto da Jebailey, come dichiarato da quest’ultimo a ESPN:
«Quando ci siamo incontrati per la prima volta, siamo andati d’accordo. Espressi la mia visione del CEO, Kenny ha subito acconsentito a creare un evento in cui esports e wrestling potessero essere sotto lo stesso tetto».

Tale occasione è finalmente arrivata lo scorso anno, con gli accordi stretti tra il CEO e la New Japan Pro Wrestling, la più importante federazione nipponica. Il dialogo ha portato alla realizzazione di uno show denominato CEOxNJPW: When Worlds Collide, andato in diretta sul canale dell’organizzazione.

Buon compleanno

Per il decennale del torneo di Orlando, l’accoppiata Jebailey/Omega ha lanciato il guanto di sfida alla WWE. Grazie anche al ruolo di fondatore di Kenny, il CEO ospiterà il secondo pay per view, Fyter Fest, della neonata All Elite Wrestling, federazione considerata come il next big thing del wrestling.

Un passo avanti che rafforzerà ulteriolmente il connubio tra esports e Wrestling, come dimostrano anche le parole di Cody Rhodes alla presentazione dell’evento:

Altre info su Giuseppe Bortone

Nato in terra di lavoro (fiero di essere terraiuolo! ) cresciuto a pane, arcade e i programmi della Gialappa's (e ancora oggi li seguo) Nel corso degli anni una nuova passione è entrata nel suo percorso , la musica russa ( e non chiedete il perchè)

Controlla anche

Tra tornei illegali e visti vietati: la storia del Team Vietnam

La PUBG Nations Cup, vinta dalla Russia, è stata uno dei grossi eventi che hanno …